Il vescovo Carraro celebra al Frassino

In diretta su Telepace

Di Luca Delpozzo
(g.b.)

Sarà il vesco­vo di Verona, Padre Flavio Rober­to Car­raro, a cel­e­brare oggi alle 21, al San­tu­ario del Frassi­no, la mes­sa per l’arrivo del cro­ce­fis­so di San Dami­ano. A Peschiera arri­va la copia con­forme dell’originale, lega­to alla con­ver­sione di San Francesco. «Sec­on­do gli stori­ci e la bib­li­ografia uffi­ciale, San Francesco entrò nel­la chieset­ta di San Dami­ano, oggi sit­u­a­ta fuori le mura di Assisi, e di fronte al cro­ce­fis­so che vi era espos­to chiese a Dio “cosa vuoi da me?”», ricor­da padre Pio, padre guardiano del San­tu­ario del Frassi­no. «La rispos­ta rice­vu­ta, “va e ripara la mia casa che, vedi, va in rov­ina” venne inter­pre­ta­ta, in un pri­mo momen­to, come un invi­to a riparare la stes­sa chieset­ta. Fu così che San Francesco iniz­iò come mura­tore i lavori di recu­pero dell’edificio, sal­vo capire più tar­di che la richi­es­ta era ben altra. Ciò che è sta­to impor­tante è l’aver subito mes­so in prat­i­ca quel­lo che gli era sta­to chiesto». Gli stori­ci datano l’incontro con il cro­ce­fis­so intorno al 1206; tre anni dopo, nel 1209, San Francesco fon­da­va l’Ordine dei Frati minori. «Sono dunque pas­sati 800 anni da quell’incontro e il 2006 è anche il pri­mo del tri­en­nio sino al 2009, ricor­ren­za dell’approvazione del­la nos­tra Rego­la. Per ricor­dare la grazia delle orig­i­ni del nos­tro Ordine», sot­to­lin­ea padre Pio, «si è pen­sato di real­iz­zare la ripro­duzione del cro­ce­fis­so e inviar­la in tut­ti i con­ven­ti e anche alle par­roc­chie che ne faran­no richi­es­ta». Il cro­ci­fis­so di San Dami­ano resterà per otto giorni nel­la chiesa del San­tu­ario del Frassi­no. La cer­i­mo­nia di ques­ta sera sarà trasmes­sa in diret­ta da Telepace.