Il canguro esterno ha fatto la sua comparsa in piazza Catena, dirimpetto alla centrale del Ponale.

In funzione il canguro compatta-rifiuti

25/06/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Il can­guro ester­no ha fat­to la sua com­parsa in piaz­za Cate­na, dirimpet­to alla cen­trale del Ponale. Per ora non fun­ziona, vis­to che man­cano i col­lega­men­ti e soprat­tut­to non sono anco­ra state dis­tribuite ai cen­si­ti ‑futuri uten­ti del servizio di - i tesseri­ni nec­es­sari per accedere al depos­i­to. Altri due macchi­nari con­sim­ili ver­ran­no instal­lati in piaz­za Garibal­di, di fronte al canale del­la Roc­ca, ed appe­na fuori por­ta san Mar­co, vici­no alla fontanel­la in sos­ti­tuzione di una bat­te­ria di cas­sonet­ti. Questi due ulti­mi can­guri saran­no inter­rati: sig­nifi­ca che i con­teni­tori dove fini­ran­no, con­ve­niemente­mente impac­cati e pres­sati i rifiu­ti, spari­ran­no den­tro una buca fon­da un paio di metri: sopra il liv­el­lo del­la stra­da solo il quadro coman­di e le boc­chette attra­ver­so cui avver­rà lo scari­co. Il «can­guro» fun­ziona con una tesse­ri­na tipo ban­co­mat: spon­soriz­zate dal­la Cas­sa Rurale, ver­ran­no dis­tribuite gra­tuita­mante agli uten­ti (famiglie res­i­den­ti nel cen­tro stori­co) nelle prossime set­ti­mane. Inseren­do la sche­da e selezio­nan­do il coman­do rel­a­ti­vo alla qual­ità del rifi­u­to da scari­care — plas­ti­ca, vetro, umi­do, e così’ via- s’aprirà la boc­chet­ta cor­rispon­dente e l’im­mon­dizia ver­rà pesa­ta, reg­is­tra­ta a cari­co del tito­lare del tesseri­no, e com­pat­ta­ta. In tal modo si com­pie il pri­mo pas­so ver­so quel sis­tema di pesatu­ra dei rifiu­ti impos­to dal­la legge per evitare l’ingius­tizia con­cla­ma­ta del­la tar­if­fa a metro quadro. Due dei tre can­guri sono pagati dal comune, uno dal com­pren­so­rio. Appe­na fini­ta l’in­stal­lazione, l’am­min­is­trazione prevede di dis­tac­care per qualche giorno un oper­a­tore eco­logi­co accan­to al macchi­nario per spie­gare all’uten­za, pre­sum­i­bil­mente dis­ori­en­ta­ta per la sparizione dei tradizion­ali cas­sonet­ti, come si deve pro­cedere. Altre novità si seg­nalano nel set­tore: da qualche giorno i cas­sonet­ti nelle postazioni più esposte, al Bro­lio, all’ho­tel Riva ed in viale Dante (est ed ovest del­l’in­cro­cio) sono svuo­tati due volte al giorno, alle 7,30 ed alle 13,30.

Parole chiave: