Al porto paesaggi veronesi

In mostra i quadri di Carlo Pellegrini

19/06/2004 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
s.b.

La pen­nel­la­ta di Car­lo Pel­le­gri­ni, pit­tore di orig­i­ni milane­si ma da anni res­i­dente a Verona, è forte e decisa. Un seg­no mar­ca­to, sia nel­la real­iz­zazione delle sue tele che nei for­ti col­ori. I suoi sogget­ti sono prin­ci­pal­mente alberi. A foglia larga, per non dire larghissi­ma, che riem­pi­ono tut­ta la tela. Molti i per­son­ag­gi, diver­si gli artisti ed i musi­can­ti. Scor­ci di pae­sag­gio: da piaz­za Erbe, a Lazise, a luoghi del­la col­li­na veronese. A Lazise, nell’ex-, sul por­to, espone le sue tele più gran­di e più sig­ni­fica­tive. E’ sta­to allie­vo di Moreno Zop­pi ma del suo mae­stro non rie­vo­ca min­i­ma­nente il trat­to leg­gero del col­ore. Tutt’altro. Ogni quadro ha un grande impianto strut­turale, ha una sua orig­i­nal­ità, ha delle forme che lo carat­ter­iz­zano mar­cata­mente e sin­go­lar­mente. Espes­sione di un carat­tere forte ed inten­so, di forme che non las­ciano spazio alla leg­gerez­za. La mostra di Pel­le­gri­ni sarà aper­ta fino a lunedì. L’artista è sem­pre pre­sente e cer­ca di accom­pa­gnare il vis­i­ta­tore con lo sguar­do e con la voglia di comunare il per­chè di ogni sua opera.

Parole chiave: