Volontari per Gomelaiutano la Bielorussia

In partenza con tre camper

Di Luca Delpozzo
d.bo.

Il 25 aprile par­ti­ran­no per Gomel in Bielorus­sia, con tre camper su cui tro­ver­an­no pos­to 17 volon­tari, i soci dell’associazione «Accoglien­za e fratel­lan­za» onlus, pre­siedu­ta da Adri­ano Paroli­ni, con sede a Padenghe ma che, con oltre ses­san­ta soci, è ben rad­i­ca­ta anche a Ospi­talet­to e a Rover­bel­la, nel Mantovano.Dopo un viag­gio di qua­si 2500 chilometri, i volon­tari rag­giunger­an­no Gomel per scari­care le 15 ton­nel­late di generi ali­men­ta­ri che da qualche set­ti­mana sono deposi­tate in un mag­a­zz­i­no del­la cit­tad­i­na bielorus­sa, che l’associazione aiu­ta da cir­ca 20 anni con inter­ven­ti mirati ad un orfan­otrofio e alcune famiglie.I volon­tari, che dovreb­bero arrivare des­ti­nazione il 28 aprile, provved­er­an­no a scari­care i generi ali­men­ta­ri da con­seg­nare alle famiglie più bisog­nose, così i vesti­ti e alcu­ni mobili. L’intervento più impor­tante l’associazione garde­sana l’ha effet­tua­to sull’orfanotro: la strut­tura, già esistente, è sta­ta ammod­er­na­ta e diverse aule com­plete sono state instal­late. Nei mesi estivi alcu­ni ragazzi dell’orfanotrofio ven­gono ospi­tati sul Gar­da dalle famiglie dell’associazione: un sog­giorno in con­dizioni cli­matiche molto favorevoli che regala gran­di ben­efi­ci ai ragazz­i­ni che anco­ra sof­frono per le con­t­a­m­i­nazioni dopo l’esplosione nucleare di Chernobyil.>BR>I tre camper dovreb­bero tornare a Padenghe il 4 mag­gio: il tem­po nec­es­sario per trac­cia­re il bilan­cio del­la spedi­zione pri­ma di rimet­ter­si al lavoro per il viag­gio del 2008: gli inter­ven­ti sull’ospedale di Gomel sareb­bero il fiore all’occhiello di un lavoro che pros­egue da due decenni.