In partenza il corso gratuito ASA per il conseguimento della qualifica di Ausiliario Socio Assistenziale (ASA)

07/08/2022 in Attualità
Di Redazione

Pre­sen­ta­to pres­so la Sala Con­sil­iare del Comune di Lona­to del Gar­da il pro­gram­ma for­ma­ti­vo pre­vis­to dal cor­so ASA, pro­mosso e gesti­to dal­la soci­età di for­mazione accred­i­ta­ta in Regione Lom­bar­dia “Timiopo­lis Srl”, con il patrocinio del Comune.

Il cor­so è final­iz­za­to alla for­mazione di fig­ure pro­fes­sion­ali che, al ter­mine del pro­gram­ma di stu­dio, siano in gra­do di oper­are appun­to come ASA, con par­ti­co­lare riguar­do alle diverse RSA (Res­i­den­ze San­i­tarie Assis­ten­ziali) oper­an­ti sul territorio.

Il per­cor­so for­ma­ti­vo assi­cur­erà al cor­sista le nec­es­sarie com­pe­ten­ze per affrontare, al ter­mine del prog­et­to, il nec­es­sario esame regionale e le rel­a­tive prove d’esame per il rilas­cio dell’attestato di com­pe­ten­za ASA. Il cor­sista appren­derà pras­si, meto­di, soluzioni e tec­niche di lavoro pre­scritte nell’esecuzione del lavoro ASA nell’ambito dei servizi per Anziani e Dis­abili. Inoltre, il cor­so garan­tirà al cor­sista le nec­es­sarie com­pe­ten­ze per lavo­rare in sicurez­za, uti­liz­zan­do con per­ti­nen­za e adeguatez­za i diver­si stru­men­ti di lavoro, a tutela del­la sua e dell’altrui salute.

La figu­ra pro­fes­sion­ale in usci­ta dal per­cor­so for­ma­ti­vo è un Ausil­iario Socio Assis­ten­ziale con attes­ta­to di com­pe­ten­za rilas­ci­a­to in lin­ea con la nor­ma­ti­va pre­vista da in mate­ria di eser­cizio delle pro­fes­sioni in ambito San­i­tario Assistenziale.

I des­ti­natari del per­cor­so sono can­di­dati a mis­sioni di lavoro tem­po­ra­neo, gio­vani dis­oc­cu­pati, ital­iani o stranieri, in pos­ses­so del diplo­ma di scuo­la sec­on­daria di pri­mo gra­do, così come pre­scrit­to da Regione Lom­bar­dia. Gli stranieri non comu­ni­tari dovran­no dis­porre di rego­lare per­me­s­so di sog­giorno e di tito­lo di stu­dio estero con il rel­a­ti­vo riconosci­men­to del­lo stes­so in Italia.

Per quan­to riguar­da la metodolo­gia didat­ti­ca, un grup­po di 10/20 allievi sarà inser­i­to in un per­cor­so cor­suale teori­co e prati­co durante il quale saran­no com­bi­nate e inte­grate lezioni frontali d’aula (tot. 350 ore) e lezioni di eserci­tazione (tot. 100 ore), durante le quali l’allievo potrà provar­si e mis­urar­si ad appli­care in det­taglio quan­to appre­so durante la parte teor­i­ca. La parte di tirocinio è da svol­ger­si, invece, pres­so strut­ture riconosciute da Regione Lom­bar­dia, per un totale di 350 ore.

La parte teor­i­ca del cor­so ver­rà svol­ta pres­so la Comu­nità Mis­sion­ar­ia di Vil­lare­gia a cui il Sin­da­co, Rober­to Tar­dani, ha riv­olto un sen­ti­to ringrazi­a­men­to “per la disponi­bil­ità a con­cedere gli spazi per svol­gere le lezioni pro­pe­deu­tiche all’applicazione di quan­to appre­so durante il cor­so”. “Riten­go di fon­da­men­tale impor­tan­za la pos­si­bil­ità di usufruire di ques­ta tipolo­gia di cor­so per la for­mazione di fig­ure pro­fes­sion­ali che sono, purtrop­po, car­en­ti. Cre­do inoltre che sia una grande oppor­tu­nità per for­mar­si e trovare un pos­to di lavoro”.

“Negli ulti­mi tem­pi, sen­ti­amo sem­pre più spes­so che la nos­tra popo­lazione sta invec­chi­an­do, una ten­den­za che riscon­tri­amo anche nel nos­tro Comune. Dob­bi­amo quin­di con­sid­er­are per il futuro che un cer­to tipo di fig­ure saran­no sem­pre più richi­este, pro­prio come quel­la dell’ASA, sia a liv­el­lo domi­cil­iare, sia a liv­el­lo sco­las­ti­co. Cre­do sia davvero fon­da­men­tale avere a dis­po­sizione fig­ure preparate ad affrontare questo tipo di richi­este”. Ha aggiun­to l’Assessore ai e Pub­bli­ca Istruzione, Nico­la Bianchi.

Il cor­so sarà gra­tu­ito per tut­ti gli iscrit­ti e per gli stes­si sarà garan­ti­to, dall’ente for­ma­ti­vo, al ter­mine del per­cor­so, un rim­bor­so di euro 400,00 per la parte­ci­pazione al tirocinio for­ma­ti­vo, pre­vio supera­men­to dell’esame finale sostenu­to davan­ti alla com­mis­sione Regionale.

La selezione dei can­di­dati sarà svol­ta pres­so una strut­tura del Comune di Lona­to e durante il col­lo­quio si cercher­an­no di val­utare nel det­taglio le moti­vazioni che spin­gono il can­dida­to a intrapren­dere il per­cor­so for­ma­ti­vo e le atti­tu­di­ni di ognuno al lavoro di cura del­la per­sona in con­dizioni di fragilità. Per i cit­ta­di­ni stranieri il col­lo­quio di selezione prevede, oltre a quan­to sopra ripor­ta­to, anche la val­u­tazione delle com­pe­ten­ze lin­guis­tiche dell’italiano scrit­to e par­la­to. Le speci­fiche date del col­lo­quio saran­no comu­ni­cate dopo la val­u­tazione dei cur­ricu­lum vitae ricevuti.

Commenti

commenti