Stasera nella sede della Fraglia la presentazione dell’iniziativa. Il «testimonial» è Francesco Renga, vincitore di Sanremo

In vela contro la leucemia

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
m.to

Il can­tante bres­ciano , vinci­tore del Fes­ti­val di San­re­mo nel 2005, sarà ospite ques­ta sera nel­la sede del­la Fraglia Vela Desen­zano in occa­sione di un incon­tro pub­bli­co pro­mosso dal­la sezione bres­ciana dell’associazione ital­iana con­tro la leucemia (Ail), di cui Ren­ga è «tes­ti­mo­ni­al» d’eccezione. L’appuntamento è alle 21.Il can­tante, nato friu­lano ma ormai bres­ciano a tut­ti gli effet­ti, parte­ci­pa alla cam­pagna dell’Ail pre­stando la sua immag­ine di artista pe la sua celebrità, per atti­rare l’attenzione del­la gente sul­la lot­ta con­tro la leucemia. Nel­la ser­a­ta in Fraglia inter­ver­rà per rac­con­tare la sua per­son­ale espe­rien­za di vita e par­lare del­la pro­pria attività.Renga, che del resto è impeg­na­to da anni a favore del­la lot­ta con­tro la leucemia, ha ader­i­to con entu­si­as­mo all’invito riv­oltogli dal pres­i­dente del­la sezione bres­ciana Giuseppe Navoni.Sempre stasera nel­la sede del cir­co­lo veli­co desen­zanese, ver­rà anche pre­sen­ta­to il prog­et­to «Ita­ca» con il quale si ten­ta di unire le poten­zial­ità del­la vela con il proces­so riabil­i­ta­ti­vo in àmbito oncologico.La vela garde­sana, tra l’altro, è già al cen­tro di un impor­tante prog­et­to per i non veden­ti, «Home­rus», nato e svilup­patosi pro­prio sulle rive del nos­tro lago, che ha ottenu­to suc­ces­si incred­i­bili anche sot­to il pro­fi­lo stret­ta­mente sporti­vo. Ed ora gra­zie al prog­et­to Ail, in bar­ca ci sali­ran­no, da mag­gio a set­tem­bre, anche equipag­gi di pazi­en­ti oncologici.Il cir­co­lo nau­ti­co desen­zanese è coin­volto in ques­ta man­i­fes­tazione e met­terà a dis­po­sizione vari natan­ti a vela, i Pro­tag­o­nist 7.50 e i , oltre ad offrire l’accoglienza e l’assistenza nec­es­sarie ai velisti. Dunque, anco­ra una vol­ta si affer­ma il val­ore dell’esperienza in bar­ca a vela come fat­tore terapeutico.Intanto, la del­egazione Ail di Bres­cia ha in cantiere l’ormai immi­nente inau­gu­razione del repar­to di day-hos­pi­tal oncoema­to­logi­co pedi­atri­co degli Spedali Civili, in cit­tà, in pro­gram­ma l’11 mag­gio, ed il pros­egui­men­to di tutte le inizia­tive di sosteg­no psicologico.Fra tutte ques­ta spic­ca in par­ti­co­lare il prog­et­to di ampli­a­men­to del­la «Casa Arcobaleno», luo­go di accoglien­za per le famiglie dei bam­bi­ni ricoverati nei repar­ti ema­to­logi­ci. A sua vol­ta, la Fraglia Vela, pre­siedu­ta da Luciano Gal­loni, ha in prog­et­to di orga­niz­zare le uscite in bar­ca per tut­ti quei bam­bi­ni e gen­i­tori che desider­a­no accostar­si allo sport velico.Inizialmente ver­ran­no orga­niz­zate delle sem­pli­ci gite nel gol­fo di Desen­zano, per pren­dere con­fi­den­za con la bar­ca e con il lago. Quin­di ver­ran­no pro­posti cor­si più tec­ni­ci per i pic­coli che dimostr­eran­no inter­esse a svilup­pare la pas­sione per la . Lo staff del cir­co­lo è sta­to mes­so a dis­po­sizione dell’Ail, uni­ta­mente alle infra­strut­ture del por­to Maratona.Infine, l’attività ago­nis­ti­ca pros­egue con le regate sociali e quelle di carat­tere nazionale.

Parole chiave: -