Negli stand del parco di Villa Nichesola si potranno gustare molte specialità. Assaggi, visite guidate e alla sera spazio alla musica e alle danze

In vetrina sapori e tradizione

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
(b.b.)

Due giorni per riva­l­utare il Monte Bal­do sot­to il pro­fi­lo stori­co, pae­sag­gis­ti­co, del tem­po libero, cul­tur­ale e delle spe­cial­ità locali. Tut­to ciò per incen­ti­vare il tur­is­mo in ques­ta zona del Veronese. «Sapori del Bal­do in vet­ri­na» si inau­gu­ra domani pomerig­gio alle 17 nel par­co di Vil­la Nich­eso­la sede del­la Comu­nità mon­tana del Bal­do dove, il mat­ti­no, si ter­rà anche il con­veg­no «Cicla­bil­ità per lo svilup­po tur­is­ti­co, green­ways (vie ver­di o alter­na­tive) e parchi ciclis­ti­ci in provin­cia di Verona», orga­niz­za­to dal Grup­po di azione locale Bal­do Lessinia che quest’anno com­pie dieci anni. La comu­nità mon­tana del Bal­do, con la bel­lis­si­ma vil­la Nich­eso­la, diven­terà quin­di la cor­nice e il luo­go di ritro­vo per la pro­mozione del Monte Bal­do a 360 gra­di. «Sapori del Bal­do in vet­ri­na», man­i­fes­tazione orga­niz­za­ta dal­la Comu­nità mon­tana, in col­lab­o­razione con il Cen­tro tur­is­ti­co gio­vanile (Ctg) e il Grup­po di azione locale (Gal) Bal­do-Lessinia, gra­zie ai fon­di comu­ni­tari Leader, pros­eguirà fino a domeni­ca con la pri­ma rasseg­na cin­e­matografi­ca «Bald­ofilm». Domani pomerig­gio sarà comunque l’occasione ide­ale per gli aman­ti del gus­to. Nel par­co ci saran­no molti chioschi dove si potrà degustare e acquistare il meglio del­la pro­duzione locale: si va for­mag­gi del Monte Bal­do, ai vini Bar­dolino e Val­dadi­ge, ai tartu­fi, al miele, alla mar­rona­ta, ai grissi­ni, alle paste­frol­le, all’olio extra vergine di oli­va e ai salu­mi. Gli stand apri­ran­no alle 17: in con­comi­tan­za ci saran­no anche l’apertura del­la bib­liote­ca con volu­mi ded­i­cati al Bal­do, le a vil­la Nich­eso­la e al par­co e la visi­ta al museo Sco­pripreara. Alle 19 saran­no proi­et­tati i film vin­cen­ti del pri­mo Bald­ofilm. Poi sarà las­ci­a­to spazio alla musi­ca. Alle 21 toc­cherà al «Con­cer­to in vil­la»: l’Accademia musi­cale vene­ta (un quin­tet­to d’archi dell’orchestra da cam­era di Pado­va) pro­por­rà musiche di vari artisti, da Mor­ri­cone, a Rota, a Cipri­ani, a Gersh­win, fino ai Bea­t­les. Domeni­ca la fes­ta con­tin­uerà dalle 7 alle 24. Alle 17 è pre­vista la ria­per­tu­ra dei chioschi, sem­pre con l’esposizione e la ven­di­ta dei prodot­ti enogas­tro­nomi­ci balden­si. Saran­no ripetute le vis­ite gui­date del giorno prece­dente, e alle 20 si esi­birà il grup­po fol­cloris­ti­co Cantafilò, che pro­por­rà danze e musi­ca popolare.

Parole chiave: