La funivia diventa modello per Taiwan

In visita l’ambasciatore

08/06/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
(l.f.)

La funi­via panoram­i­ca è un mod­el­lo da esportazione. In segui­to alla visi­ta com­pi­u­ta saba­to scor­so a Mal­ce­sine da Chou-Seng Tou, ambas­ci­a­tore di Tai­wan in Vat­i­cano, è infat­ti molto prob­a­bile che fra qualche tem­po a For­mosa ven­ga real­iz­za­to un impianto molto sim­i­le a quel­lo che dal 2002 por­ta dal al Monte . «L’ambasciatore ci ave­va chiesto di vedere la funi­via sen­za speci­fi­care il per­chè», spie­ga Giuseppe Ven­turi­ni, il pres­i­dente dell’azienda trasporti funi­co­lari Mal­ce­sine-Monte Bal­do, «ed all’inizio sem­bra­va che dovesse essere qui solo di pas­sag­gio. Quan­do è arriva­to ci ha però spie­ga­to che a Tai­wan devono costru­ire una funi­via che porterà su una mon­tagna alta duemi­la metri, e per questo ha volu­to sapere così tan­ti det­tagli che alla fine è rimas­to qui per più di tre ore». L’ambasciatore ed i suoi col­lab­o­ra­tori non si sono però lim­i­tati a vedere l’impianto di risali­ta. La loro visi­ta ha infat­ti por­ta­to alla pro­gram­mazione di inizia­tive di inter­scam­bio fra Verona e Tai­wan, di carat­tere sia tur­is­ti­co che com­mer­ciale. «In par­ti­co­lare», con­clude Ven­turi­ni, «abbi­amo par­la­to di un incon­tro con i rap­p­re­sen­tan­ti del con­so­la­to di al quale dovreb­bero parte­ci­pare indus­tri­ali e pro­dut­tori agri­coli verone­si con l’ottica di favorire il loro inser­i­men­to nel mer­ca­to del paese orientale».

Parole chiave: