Inaugurata a Lazise la “Sirenetta del lago”

02/09/2018 in Attualità
A Lazise
Iscriviti al nostro canale
Di Sergio Bazerla

In uno sprazzo di ritornata serenità metereologica, dopo una giornata funestata dai temporali, con in bella vista un ampio e coloratissimo arcobaleno, è stata scoperta ed inaugurata ufficialmente dal sindaco Luca Sebastiano e dallo scultore ed architetto Libero Cecchini la fusione in bronzo della “sirenetta del lago”.

La fusione della sirenetta ideata dal novantottenne artista veronese è opera della fonderia Folla ed alla cerimonia di inaugurazione era presente uno dei fratelli: Silvano Folla. Assieme a molti turisti, curiosi, cittadini di erano sul lungolago in attenta attesa della scopertura del manufatto, coperto dalla bandiera di Lazise, i rappresentanti della famiglia di Federico Aldrighetti che ha sostenuto tutte le spese per la realizzazione dell’opera di Cecchini, oltre che al vicesindaco Filippo Costa, all’assessore Barbara Zanetti, al consigliere  Anna Rossi ed al presidente della Lael Giliola Zenari.

“E’ con grande soddisfazione che oggi accolgo l’architetto Libero Cecchini , primo estensore del nostro piano regolatore – ha esordito il sindaco Luca Sebastiano – che oggi scopre con me la sua ” sirenetta del lago” quale omaggio a Lazise ed a tutti i suoi turisti. Opera che egli ha realizzato proprio in onore di Lazise e che intende lasciare a memoria indelebile in segno di grande affetto per la nostra cittadina. Noi – ha concluso il sindaco – siamo veramente onorati e grati di questo suo affetto e vicinanza.”

“La sirenetta, con il volto verso Sirmione – ha evidenziato Libero Cecchini – è un inno alla vita, all’entusiasmo, allo sguardo proiettato verso il futuro ed a un orizzonte nuovo e migliore. L’entusiasmo con cui Lazise ha accolto la mia proposta è ammirevole. Sono grato davvero a tutti per questa considerazione, comprensione,per l’affetto che mi avete sempre dimostrato e che io ho sempre ricambiato con grande amicizia. La sirenetta è vostra, nostra, di tutti quelli che la vorranno ammirare.”

“Siamo grati a Libero Cecchini per averci coinvolto in questa meravigliosa avventura – spiega Franco Aldrighetti – e non da meno al sindaco che ci dato l’opportunità di far rivivere nostro padre Federico nei segni della sirenetta, mantenendo una promessa che lui stesso aveva più volte espresso da innamorato di Lazise, del suo lago, della sua storia, ed anche delle importanti attività ricettive turistiche che sono state da lui realizzate e che noi continuiamo a gestire.”

 

Commenti

commenti