Fra gli intervenuti Luigi Veronelli

Inaugurata l’8^ edizione della Mostra Mercato del Tartufo Bresciano

26/11/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

È sta­to sicu­ra­mente il momen­to più carat­ter­iz­zante del­la man­i­fes­tazione l’incontro, ric­co di com­mozione, avvenu­to, sta­mane 26 novem­bre, nel­la sala con­sil­iare del comune di Pueg­na­gio, durante la cer­i­mo­nia inau­gu­rale del­la 8^ edi­zione del­la Mostra Mer­ca­to del Tartu­fo bres­ciano. Un momen­to forse non pre­vis­to ma che ha seg­na­to una tap­pa impor­tante nel mon­do impren­di­to­ri­ale vitivini­co­lo di Pueg­na­go e del­la Valte­n­e­si, e non solo, quel­lo fra Lui­gi Veronel­li e Gian­fran­co Com­in­ciali. Un ritorno di questo grande per­son­ag­gio inter­nazional­mente riconosci­u­to nel mon­do del­la vitivini­coltura ed ora anche in quel­lo oleario, “dopo 44 anni da quan­do quì a Pueg­na­go incon­trai la famiglia Com­in­ci­oli – ha affer­ma­to Gino Veronel­li. “Un pre­sen­za inse­gui­ta da 25 anni da quan­do cioè a Pueg­na­go prese le prime mosse la Fiera dell’Agricoltura di cui ques­ta mostra Mer­ca­to ne un’ emanazione, un’appendice che ha saputo, per­al­tro ritagliar­si nel panora­ma delle man­i­fes­tazioni non solo provin­ciali un suo appro­pri­a­to ed impor­tante spazio” gli ha fat­to eco il sin­da­co Com­in­ci­oli. Ma non solo, ieri mat­ti­na Pueg­na­go è sta­ta tes­ti­mone dell’incontro fra Veronel­li e Francesco Fer­rari, pres­i­dente delle com­mis­sione Agri­coltura del­la Cam­era, che pro­prio Mer­coledì accoglierà a Roma una del­egazione dell’ANCI (Comu­ni d’Italia) che recherà uffi­cial­mente a Roma ed al Par­la­men­to le 50 mila firme rac­colte a sosteg­no di quel­la aus­pi­ca­ta legge in itinere al Par­la­men­to, e che ver­rà anche ricor­da­ta, per il suo iniziale propos­i­tore, come legge Veronel­li. Una legge che dovrebbe con­clud­er­si entro il prossi­mo anno e che riguar­da la “Denom­i­nazione comu­nale dei di qual­ità dell’agricoltura”. Dal­la sala Con­sil­iare del comune di Pueg­na­go è sta­ta anche annun­ci­a­to, anzi forse si trat­terebbe di un ulte­ri­ore ricon­fer­ma, l’impegno del­la Provin­cia di Bres­cia nel risol­vere i tan­to annosi prob­le­mi del­la e del­la sicurez­za che afflig­gono la Valte­n­e­si (era­no pre­sen­ti numerosi sin­daci di ques­ta zona) lun­go quel­la stra­da dor­sale, che fra pochi mesi dovrebbe diventare Provin­ciale, conosci­u­ta come la Desen­zano – Salò. ha con­fer­ma­to la real­iz­zazione, in un prossi­mo futuro, di alcune rota­to­rie, la pri­ma in fase di inizio lavori al Cro­ciale di Maner­ba; la sec­on­da, nel 2001 a Padenghe, la terza nel 2002 a Cunet­tone e poi altre a Raf­fa di Pueg­na­go e, prob­a­bil­mente, in altre local­ità “sen­za stravol­gere un ambi­ente che ha rag­giun­to il suo nat­u­rale equi­lib­rio”. Giampao­lo Man­tel­li, Asses­sore provin­ciale all’Agricoltura, ha ricorda­to l’importanza di ques­ta nuo­va realtà, tartu­fi­co­la, nel­la nos­tra provin­cia ricor­dan­do che la nos­tra Provin­cia è tra le pro­tag­o­niste a liv­el­lo nazionale del­la riva­l­u­tazione del set­tore agri­co­lo otte­nen­do pri­maria impor­tan­za in diver­si set­tori pro­dut­tivi. Nel tar­do pomerig­gio si è svolto il con­veg­no su “il Tartu­fo nel­la provin­cia di Bres­cia” con Vir­gilio Vez­zosa, Loret­ta Mar­che­t­ti e Ste­fa­nia Coltrini.

Parole chiave:

Commenti

commenti