Doppio appuntamento di fine settimana per il paese

Inaugurata la palestradopo un anno di stop

07/10/2007 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Barbara Bertasi

È sta­ta inau­gu­ra­ta ieri la palestra delle scuole ele­men­tari e medie di via Camis. La strut­tura, degli anni Cinquan­ta, è sta­ta rimes­sa a nuo­vo dopo la chiusura impostasi l’anno scor­so, quan­do era­no emer­si prob­le­mi strutturali.Presenti, oltre ad inseg­nan­ti, sco­lari e al pre­side Enzo Gradizzi, vari rap­p­re­sen­tan­ti dell’amministrazione, tra cui il sin­da­co Ste­fano San­dri, il vicesin­da­co asses­sore ai lavori pub­bli­ci Moreno Dal Bor­go, Pao­la Ardui­ni del­e­ga­ta allo sport e Diego Frangi­pane, pres­i­dente del­la polisporti­va comunale.Ma per Capri­no la lista degli even­ti non si fer­ma qui. oggi infat­ti è in cal­en­dario la fes­ta a Vil­la Spa­da, con pran­zo cura­to dal­la bra­va cuo­ca e dalle asso­ci­azioni (anche la Pro loco con­tribuirà a cucinare la gran grigli­a­ta) per ricor­dare il san­to patrono Francesco, al quale viene ded­i­ca­ta una nuo­va e grande stat­ua, in pietra di Trani, opera dall’artista locale, di Lubiara, Ange­lo Cau­rla. L’incontro, che riu­nirà almeno 250 è pro­mosso dall’Istituto di assis­ten­za anziani, pre­siedu­to da Rober­to Rodoz, con­sigliere del­e­ga­to alla sanità.Si com­in­cia alle 9,30 con la mes­sa in cap­pel­la, cel­e­bra­ta dal par­ro­co di San­ta Maria Mag­giore, don Car­lo Mot­ta, e ani­ma­ta dal coro del grup­po gio­vani di Albarè di Coster­mano che, con altri volon­tari del paese e del com­pren­so­rio, sono vici­ni agli ospi­ti di Vil­la Spa­da, in tut­to 135, com­pre­sa la trenti­na che risiede all’ex Isti­tu­to Gia­comel­li di Pesina.Alle 10,30 la nuo­va stat­ua di San Francesco, alta un metro e mez­zo, sarà benedet­ta. Seguirà il salu­to delle autorità in par­ti­co­lare del sin­da­co Ste­fano San­dri. Alle 11.15 rin­fres­co e poi, alle 12,15 pranzo.«Quest’anno abbi­amo riscos­so un gran suc­ces­so e avre­mo tan­tis­si­mi con­vi­tati», dice Rodoz.«Ci saran­no tut­ti gli anziani in gra­do di scen­dere dalle loro camere, il per­son­ale, l’amministrazione e moltissi­mi famil­iari che si sono las­ciati coin­vol­gere con entu­si­as­mo», dice il pres­i­dente ringrazian­do le asso­ci­azioni, una quindic­i­na, che si dan­no da fare per stare vici­ni agli anziani, orga­niz­zan­do giochi, intrat­ten­i­men­ti, spet­ta­coli e assistenza.