Inaugurazione a Pacengo del capitello, restaurato, dedicato a San Vincenzo Ferrer

07/04/2016 in Attualità
Parole chiave:
Di Sergio Bazerla

Pacen­go — Restau­ra­to e ripor­ta­to a nuo­vo splen­dore il capitel­lo ded­i­ca­to a san Vin­cen­zo Fer­rer in local­ità Fontana Fred­da a Pacen­go, local­ità nota per una fonte d’ac­qua con­tin­ua e di otti­ma qual­ità.

La strut­tura si tro­va ubi­ca­ta fra la stra­da di acces­so alla pro­pri­età rurale del­la famiglia Fonta­narosa e l’ar­te­ria che da Pacen­go con­duce in quel di Castel­n­uo­vo del Gar­da, attra­ver­so la local­ità Con­fine.

Il man­u­fat­to è sta­to prob­a­bil­mente eret­to nel diciottes­i­mo sec­o­lo , come recitano I Quaderni del­la Francesco Fontana del 1994 ne “ I capitel­li di Lazise, Colà e Pacen­go” dai pro­pri­etari orig­i­nari del fon­do pro­prio per una dedi­zione al san­to ed una sor­ta di spar­ti­acque con­fi­nale.

Nel cor­so degli anni il capitel­lo ha subito il logo­rio del tem­po ed anche l’in­cur­sione dei ladri che han­no asporta­to l’ef­fige orig­i­nar­ia del san­to. Nel­la nic­chia la pietà popo­lare ave­va col­lo­ca­to la  sta­tu­ina del­la madon­na imma­co­la­ta.

La disponi­bil­ità dei volon­tari del Grup­po TNT Capitei , d’in­te­sa con la pro­pri­età e con il con­trib­u­to del Ban­co Popo­lare, han­no con­sen­ti­to di pot­er restau­rare con dovizia di par­ti­co­lari il capitel­lo tan­to caro alla gente di Pacen­go.

L’in­au­gu­razione avrà luo­go saba­to 9 aprile alle 11,00 con la benedi­zione da parte del par­ro­co di Pacen­go Don Tul­lio Sem­beni, con la ricol­lo­cazione del­la statu­ta di san Vin­cen­zo Fer­rer, pred­i­ca­tore cata­lano del­l’or­dine dei Domeni­cani.

Al restau­ro vi han­no con­tribuito oltre ai mura­tori volon­tari anche Mas­sim­i­laino Ruf­fo per il restau­ro del­la gra­ta in fer­ro, Pao­la Bion­dani per la real­iz­zazione del­la su perga­me­na in ricor­do del san­to e di Mar­cel­lo Sar­tori che ne ha ver­ga­to in goti­co i ver­si.

Ser­gio Baz­er­la

Parole chiave: