È stata avviata un mese fa dall'amministrazione e dovrebbe concludersi entro la fine dell'estate

Indagine sull’elettromagnetismo sui siti di fonti di inquinamento

23/06/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Entro l’es­tate dovrebbe essere com­ple­ta­ta l’indagine su qual­ità e quan­tità delle fonti di campi elet­tro­mag­neti­ci che il comune di Arco, per diret­to inter­es­sa­men­to del­l’asses­so­ra­to all’am­bi­ente ret­to da Fab­rizio Miori, ha avvi­a­to sul­l’in­tero ter­ri­to­rio comu­nale. Dei ril­e­va­men­ti che avven­gono nel rispet­to di par­ti­co­lari pro­ce­dure si occu­pano spe­cial­isti mes­si a dis­po­sizione dal­la provincia.I ril­e­va­men­ti sono iniziati un mese fa e si svol­go­no al rit­mo di un sito alla set­ti­mana, al quale viene ded­i­ca­ta dal­l’e­quipe un’in­tera gior­na­ta. Scopo del­l’­op­er­azione che il comune di Arco ha intrapre­so anche se non esistono par­ti­co­lari motivi di urgen­za derivan­ti da situ­azioni di ris­chio effet­ti­vo l’e­lab­o­razione di una map­pa rifer­en­dosi alla quale, nel momen­to in cui ver­ran­no defin­i­ti i rego­la­men­ti in cor­so di stesura da parte del­la giun­ta provin­ciali, sia pos­si­bile indi­vid­uare imme­di­ata­mente le situ­azioni di vero ris­chio ambientale.La ricer­ca non si limi­ta a indi­vid­uare le fonti di inquina­men­to: per ogni sito mon­i­tora­to i tec­ni­ci infat­ti pro­ce­dono anche alla rac­col­ta pres­so i tito­lari del­l’impianto di tutte le infor­mazioni che con­sen­tano di con­frontare i dati attuali con quel­li even­tual­mente già disponi­bili, in maniera da val­utare più cor­ret­ta­mente l’im­pat­to effet­ti­vo sul­la qual­ità del­l’am­bi­ente e l’even­tuale dan­no per le persone.Si trat­ta di un lavoro arti­co­la­to e com­p­lesso che alla con­clu­sione del­l’in­ter­ven­to ver­rà sot­to­pos­to all’at­ten­zione del con­siglio comu­nale, per­chè ne pos­sano essere infor­mati adeguata­mente anche tut­ti i cit­ta­di­ni, che riman­gono i sogget­ti più interessati.La neces­sità di mon­i­torare i cen­tri di emis­sione di onde elet­tro­mag­netiche e di far conoscere alla popo­lazione i risul­tati del­l’indagine è sta­ta sostenu­ta in un ordine del giorno con il quale il dot­tor Ser­gio Bas­set­ti, incar­i­ca­to del sin­da­co per i prob­le­mi del­la san­ità, ha ritenu­to oppor­tuno richia­mare l’at­ten­zione gen­erale: i campi elet­tro­mag­neti­ci non riguardano infat­ti sono gli elet­trodot­ti, ma con tele­foni­ni ed elet­trodomes­ti­ci coprono ormai ogni momen­to e sito del­la nos­tra esistenza.