Oltre 1.050 posti-letto, ben 2.600 dipendenti

Industria sanitaria fra le prime in Lombardia

Di Luca Delpozzo
m.to.

L’Azien­da Ospedaliera di Desen­zano è una delle più impor­tan­ti «indus­trie san­i­tarie» del­la Lom­bar­dia con i suoi oltre 1.050 posti let­to e ben 2.600 dipen­den­ti, dis­tribuiti in sei ospedali (Desen­zano, Lona­to, Salò, Gavar­do, Maner­bio e Leno). I ricov­eri in degen­za ordi­nar­ia sono 44.000, quel­li in day hos­pi­tal 8.400, le prestazioni di pron­to soc­cor­so oltre 350.000 e quelle ambu­la­to­ri­ali per esterni cir­ca 3.043.000. L’azien­da arti­co­la la pro­pria offer­ta di servizi san­i­tari ad un poten­ziale baci­no d’uten­za di oltre 310 mila abi­tan­ti: cir­ca un ter­zo del­la provin­cia di Bres­cia. Ma negli ulti­mi tem­pi, gra­zie alla vas­ta gam­ma di repar­ti e prestazioni offer­ti, all’azien­da si riv­ol­go­no anche molti uten­ti prove­ni­en­ti dalle province vicine, come Man­to­va e Verona. Di recente, oltre ai dis­tac­ca­men­ti di Pron­to soc­cor­so pre­sen­ti a Desen­zano, Gavar­do e Maner­bio, sono sta­ti atti­vati un pun­to di Pron­to soc­cor­so mobile a Gargnano ed un pun­to di Pri­mo inter­ven­to all’ospedale di Salò: quest’ul­ti­mo, inizial­mente sta­gionale, è divenu­to annuale. Sot­to l’aspet­to eco­nom­i­co il Nucleo di Val­u­tazione del­la Regione ha espres­so parere pos­i­ti­vo «per la qual­i­fi­cazione del­l’as­sis­ten­za e la razion­al­iz­zazione del­l’or­ga­niz­zazione». Infine, entro pochi mesi sorg­erà la nuo­va sede direzionale del­l’azien­da nel­l’im­mo­bile un tem­po occu­pa­to dal­l’is­ti­tu­to pro­fes­sion­ale alberghiero. Oltre agli uffi­ci del­la direzione ver­ran­no ad aggiunger­si altri (tec­ni­co, infor­mat­i­ca). m.to.