All’ufficio Informagiovani i ragazzi trovano un valido supporto nelle loro scelte. L’età media di chi chiede sostegno alle operatrici supera i 32 anni

«Integra» in aiuto agli stranieri

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sara Mauroner

Sostenere i gio­vani, e non solo, nelle fasi di tran­sizione del­la loro vita. Questo l’o­bi­et­ti­vo del­l’In­for­ma­gio­vani, servizio gra­tu­ito dove ragazzi e ragazze pos­sono trovare un vali­do sup­por­to infor­ma­ti­vo per affrontare le scelte pro­fes­sion­ali più oppor­tune, orga­niz­zare al meglio il pro­prio tem­po libero o impeg­nar­si in un’at­tiv­ità di carat­tere sociale e di volon­tari­a­to. Nei set­tan­ta cen­tri dis­lo­cati sul­l’in­tero ter­ri­to­rio del­la provin­cia di Bres­cia, i gio­vani pos­sono riv­ol­ger­si agli oper­a­tori per chiedere infor­mazioni, con­sultare mate­ri­ale e con­frontar­si con altre realtà. A Desen­zano il servizio nasce nel mar­zo del 1996 e la sua atti­vazione rap­p­re­sen­ta la pri­ma conc­re­ta pro­pos­ta che l’am­min­is­trazione comu­nale offre ai pro­pri «cit­ta­di­ni gio­vani». «Nel cor­so degli anni il cen­tro è diven­ta­to un impor­tante pun­to di rifer­i­men­to — spie­ga Sil­via Colas­an­ti, asses­sore comu­nale ai — l’uten­za è in cresci­ta e questo ci spinge a miglio­rare costan­te­mente il nos­tro cen­tro per far fronte a nuove esi­gen­ze: il mer­ca­to del lavoro è in con­tin­uo rin­no­va­men­to e la realtà è cam­bi­a­ta notevol­mente rispet­to agli anni prece­den­ti. Da noi ven­gono anche per­sone non più gio­vanis­sime che chiedono di essere aiu­tate nel­la ricer­ca di un’oc­cu­pazione». Il lavoro, dunque, la prin­ci­pale richi­es­ta. Dalle schede di ril­e­vazione uten­ze emerge un dato molto impor­tante. L’età media di col­oro che chiedono sosteg­no all’­op­er­a­trice del cen­tro supera i 32 anni e ciò dimostra la dif­fi­coltà di inser­i­men­to nel mon­do del lavoro. Ma atten­zione, l’In­for­ma­gio­vani non deve essere scam­bi­a­to con l’uf­fi­cio di col­lo­ca­men­to. In bacheca ven­gono aff­isse ogni giorno le pro­poste delle varie agen­zie ma l’o­bi­et­ti­vo del cen­tro è quel­lo di fornire sug­ger­i­men­ti, indi­cazioni e sti­moli affinché ognuno si attivi in modo autonomo. Un servizio infor­ma­ti­vo dunque, che si pro­pone di inseg­nare all’u­tente le tec­niche di ricer­ca atti­va come preparare un cur­ricu­lum vitae e leg­gere le inserzioni sul gior­nale. «La mag­gior parte delle per­sone che ven­gono da noi ha bisog­no di essere segui­ta in modo costante — spie­ga Lidia Cat­toz­zo, oper­a­trice del­l’uf­fi­cio di Desen­zano -. Una vol­ta ter­mi­nati gli stu­di i ragazzi non san­no dove trovare le infor­mazioni di cui han­no bisog­no e spes­so ci è cap­i­ta­to di dover inseg­nare loro ad uti­liz­zare il fax e a gestire la pos­ta elet­tron­i­ca. Nonos­tante il nos­tro sia un pic­co­lo cen­tro cer­chi­amo di lavo­rare al meglio nel ten­ta­ti­vo di ren­dere le per­sone autonome nel­la ricer­ca di un impiego». Pro­prio al fine di avvic­inare i gio­vani al mon­do del lavoro, il cen­tro orga­niz­za durante l’an­no lab­o­ra­tori didat­ti­ci con le scuole medie e supe­ri­ori del­la zona. E nel peri­o­do esti­vo sono numerosi i gio­vani che cer­cano un’oc­cu­pazione sta­gionale. Negli uffi­ci di via Annun­ci­a­ta 37 è pos­si­bile con­sultare una breve gui­da infor­ma­ti­va con­te­nente impor­tan­ti sug­ger­i­men­ti per chi è inter­es­sato a lavo­rare d’es­tate. I ragazzi al di sot­to dei 25 anni, infat­ti, cer­cano soprat­tut­to un impiego esti­vo e Desen­zano, in quan­to impor­tante local­ità tur­is­ti­ca, offre diverse occa­sioni in questo set­tore. Inoltre, per far fronte alle cres­cen­ti richi­este da parte di cit­ta­di­ni extra­co­mu­ni­tari il Comune di Desen­zano ha isti­tu­ito, sem­pre pres­so gli uffi­ci di via Annun­ci­a­ta 37, «Inte­gra» un nuo­vo spazio di accoglien­za, infor­mazione e medi­azione cul­tur­ale che va ad affi­an­care l’In­for­ma­gio­vani. Attra­ver­so questo servizio i cit­ta­di­ni stranieri, che a Desen­zano rap­p­re­sen­tano il 7,35% del­la popo­lazione, pos­sono rice­vere ascolto sulle diverse prob­lem­atiche sociali e chiedere sosteg­no ad accom­pa­g­na­tori che con­di­vi­dono la stes­sa lin­gua e cul­tura di orig­ine. Il prog­et­to, che coin­volge i Comu­ni di Desen­zano, Sirmione, Poz­zolen­go e Padenghe, pro­pone diver­si incon­tri des­ti­nati a favorire l’in­te­grazione degli extra­co­mu­ni­tari nel ter­ri­to­rio. Il cen­tro è aper­to il mart­edì, il giovedì e il saba­to dalle 10 alle 12, il mer­coledì e il ven­erdì dalle 17 alle 19. Inte­gra, invece, è aper­to il mart­edì dalle 15.30 alle 17.30 il ven­erdì e il saba­to dalle 9.30 alle 11.30.

Parole chiave: