Nuove risorse per aiutare gli stranieri e i turisti che hanno bisogno di cure Durante tutta l’estate il servizio affiancherà il traduttore telefonico

Interpreti all’ospedale Monte Croce

Di Luca Delpozzo
m.to.

Parte nei prossi­mi giorni il servizio di inter­preti nell’ospedale di Desen­zano. Lo scor­so anno la direzione gen­erale ebbe parec­chi prob­le­mi per ripristi­narlo: man­ca­vano i fon­di nec­es­sari per coprire l’impegno di spe­sa. Poi, gra­zie all’impegno del diret­tore dell’azienda ospedaliera, Mau­ro Borel­li, ven­nero trovate le risorse per con­tin­uare un servizio indis­pens­abile per il grande numero di tur­isti e di immi­grati che trascor­rono le vacanze o risiedono nel­la zona del bas­so Garda.L’attività pren­derà il via da domani per pros­eguire fino al 1 mag­gio, prati­ca­mente l’intero immi­nente “ponte” fes­ti­vo. In segui­to, l’attività sarà in fun­zione nei fine set­ti­mana fino al 13 mag­gio (dal ven­erdì alla domeni­ca dalle ore 9 alle 17 con una sola ora di pausa tra le 13 e le 14), per poi essere ampli­a­ta fino al 7 giug­no anche agli altri giorni del­la set­ti­mana con orari in parte ridot­ti, in parte diver­si­fi­cati a sec­on­da delle esi­gen­ze. Infine, dall’8 giug­no al 9 set­tem­bre il servizio di inter­pre­tari­a­to ver­rà rego­la­to con un uni­co orario: dalle ore 8.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 19.Il coor­di­na­men­to delle tradut­tri­ci è sta­to affida­to al capos­ala del Pron­to Soc­cor­so, aut­en­ti­ca «trincea» per l’ospedale Mon­te­croce per­ché è, attra­ver­so ques­ta strut­tura, che tran­si­tano qua­si tut­ti gli uten­ti, tranne quel­li in pos­ses­so di ricovero pro­gram­ma­to. L’altra novità riguar­da anco­ra l’ospedale garde­sano. Da qualche tem­po è in fun­zione un altro utilis­si­mo servizio, quel­lo del mul­ti­tradut­tore tele­fon­i­co. Si trat­ta di una sor­ta di triage mul­ti­lingue attra­ver­so cui l’utente straniero può inter­loquire nel­la sua lin­gua sen­za met­tere in pan­i­co l’operatore san­i­tario o se stesso.Le lingue disponi­bili sono l’inglese, il francese, il tedesco, lo spag­no­lo, l’arabo, il cinese e, perfi­no, il pun­jabi. L’orario in cui fun­ziona è dalle 9 alle 17 di tut­ti i giorni, com­pre­si i fes­tivi. Gli apparec­chi abil­i­tati sono sta­ti dis­lo­cati al Pron­to Soc­cor­so (tre rice­vi­tori), in Pedi­a­tria e nel poliambu­la­to­rio. Questo faciliterà enorme­mente i rap­por­ti tra cit­tadi­no straniero e servizio ospedaliero riducen­do al min­i­mo quei dis­a­gi che spes­so affio­ra­no durante le comu­ni­cazioni nelle dif­fer­en­ti lingue degli immigrati.