La 1000 Miglia, attraversa Mantova e si dirige verso Ferrara

15/05/2019 in Attualità
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

Dopo la parten­za da Bres­cia nel pomerig­gio odier­no, e gli attra­ver­sa­men­ti di Desen­zano, Sirmione e Par­co Gia­rdi­no Sig­urtà di Valeg­gio sul Min­cio, le 430 vet­ture d’epoca stan­no attra­ver­san­do Man­to­va per poi diriger­si ver­so Fer­rara.

Seguiran­no i pas­sag­gi a Comac­chio e Raven­na e alle 21:55 gli equipag­gi taglier­an­no il tra­guar­do di Cervia-Milano Marit­ti­ma, da dove domat­ti­na, alle 6:30, par­ti­ran­no per la sec­on­da tap­pa ver­so Roma. In tes­ta alla clas­si­fi­ca, al momen­to del­la pro­va di pre­ci­sione 9 – Moscatel­lo 4, con 5895 pun­ti, il duo com­pos­to da Andrea Vesco e Andrea Gueri­ni (scud­e­ria Vil­la Trasqua), a bor­do di una Alfa Romeo 6C 1750 SS Zaga­to del 1929. Segue con 5813 pun­ti l’equipaggio com­pos­to da Juan Ton­con­o­gy e Bar­bara Ruffi­ni, a bor­do di una Bugat­ti Type 40 del 1927. Sul ter­zo gradi­no del podio provvi­so­rio, con 5795 pun­ti, Gio­van­ni Moceri e Daniele Bonet­ti (scud­e­ria FCA), che guidano una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928.

Infor­mazioni sulle 1000 Miglia

La trentasettes­i­ma rie­vo­cazione del­la 1000 Miglia, la cor­sa più bel­la mon­do, si dis­pu­ta da mer­coledì 15 a saba­to 18 mag­gio 2019. Rispet­tan­do la tradizione nata nel 1927, il per­cor­so prende il via e ter­mi­na a Bres­cia, attra­ver­san­do in quat­tro tappe mez­za Italia, pri­ma e dopo il giro di boa a Roma. Con la sua capac­ità di coni­u­gare tradizione, inno­vazione, cre­ativ­ità, ele­gan­za e bellezze pae­sag­gis­tiche, la 1000 Miglia rap­p­re­sen­ta un sim­bo­lo dell’eccellenza ital­iana nel mon­do. Dal 2013, la man­i­fes­tazione è gesti­ta da 1000 Miglia srl, soci­età total­mente parte­ci­pa­ta dall’Automobile Club di Bres­cia che l’ha apposi­ta­mente cre­a­ta nel 2012. Pre­siedu­ta da Fran­co Gus­sal­li Beretta, affi­an­ca­to dai con­siglieri d’amministrazione Mat­teo Mar­zot­to e Mau­r­izio Arriv­abene e dall’amministratore del­e­ga­to Alber­to Piantoni.

Commenti

commenti