Si terrà sul Garda il congresso del settore turistico «fuggito» da Agadir

La Fiavet a Riva tra sette giorni

04/10/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Il tur­is­mo è una delle «vit­time» del ter­ror­is­mo, e il ver­tice del­la Fiavet (Fed­er­azione ital­iana asso­ci­azioni imp­rese viag­gi e tur­is­mo), che riu­nisce le agen­zie di viag­gio ital­iane, can­cel­la il con­gres­so orig­i­nar­i­a­mente pro­gram­ma­to in Maroc­co, ad Agadir, e lo spos­ta a Riva del Gar­da. È sta­ta una vera a pro­pria task force a con­sen­tire al Pala­con­gres­si-Fiera di pot­er dare il pro­prio assen­so all’organizzazione sul e in tem­pi stret­tis­si­mi (meno di due set­ti­mane dall’appuntamento pre­vis­to dall’11–13 otto­bre). Ciò è sta­to reso pos­si­bile dai con­tat­ti stret­tis­si­mi man­tenu­ti dal grup­po di lavoro coor­di­na­to da Mario Mal­ossi­ni, respon­s­abile dei rap­por­ti isti­tuzion­ali e pub­bliche relazioni di Pala­con­gres­si, e com­pos­to dall’assessore provin­ciale al Tur­is­mo Mar­co Benedet­ti, dal pres­i­dente dell’Apt di ambito Enio Meneghel­li, dal respon­s­abile del­la Fiavet Trenti­no Bruschet­ti e dal respon­s­abile di TTG Incon­tri Audi­no, con i ver­ti­ci nazion­ali del­la Fiavet, rap­p­re­sen­tati dal pres­i­dente Anto­nio Tozzi e dal diret­tore Alber­to Cor­ti. L’amministratore del­e­ga­to di TTg Italia, Pao­lo Audi­no, ha affer­ma­to che «la ses­sione stra­or­di­nar­ia dell’assise con­fed­erale degli agen­ti di viag­gio, vuole offrire un’opportunità di con­fron­to ed anal­isi in un momen­to che richiede al set­tore forte com­pat­tez­za». Per il con­gres­so nazionale del­la Fiavet, realtà che riu­nisce 6.500 agen­zie di viag­gio ital­iane, con 8.500 pun­ti di ven­di­ta e 40.000 addet­ti, sono atte­si in riva al Gar­da la bellez­za di 450 del­e­gati. Per la 38ª edi­zione di TTG Incon­tri è pre­vis­to il coin­vol­gi­men­to di ottomi­la oper­a­tori spe­cial­iz­za­ti in rap­p­re­sen­tan­za dei mag­giori Tour oper­a­tor, com­pag­nie aeree e catene alberghiere mon­di­ali. Per dare una misura dell’impatto eco­nom­i­co delle realtà rap­p­re­sen­tate da Fiavet e quin­di dell’importanza dell’evento ospi­ta­to sul lago di Gar­da basti dire che lo scor­so anno il fat­tura­to com­p­lessi­vo delle soci­età rap­p­re­sen­tate è sta­to di cir­ca 25 mila mil­iar­di (quat­tro volte il bilan­cio del­la Provin­cia autono­ma di Tren­to), che ha con­tribuito in maniera sig­ni­fica­ti­va al sal­do pos­i­ti­vo del­la bilan­cia dei paga­men­ti tur­is­ti­ca 2000. Un fat­tura­to ripar­ti­to medi­a­mente in un 50% di ven­dite di pac­chet­ti e servizi tur­is­ti­ci, 40% di bigli­et­terie aeree, fer­roviarie e di auto­li­nee e 10% di altri servizi. Tema da affrontare durante il con­gres­so sarà soprat­tut­to quel­lo lega­to ai con­trac­colpi di mer­ca­to causati dagli atten­tati negli Usa. Una pri­ma sti­ma val­u­ta in cir­ca 25–30 mil­iar­di la perdi­ta media gior­naliera per il set­tore in Italia, con con­trac­colpi occu­pazion­ali che potreb­bero riguardare da 4.500 a 6.000 addet­ti, ma sec­on­do il pres­i­dente di Fed­er­tur­is­mo, Gian­car­lo Abete, i posti a ris­chio pro­prio nelle agen­zie di viag­gi e tra i tour oper­a­tor potreb­bero essere addirit­tura 12 mila. L’argomento sarà al cen­tro anche dell’Open Forum «Emer­gen­za inter­nazionale: il tur­is­mo reagisce», pre­vis­to ven­erdì 12 otto­bre alle ore 14 nel­la sala Loren­zo il Mag­nifi­co del Palafiere.

Parole chiave: