Le elezioni per il nuovo direttivo del circolo velico cittadino. Galloni fa il pieno di preferenze e «prenota» la presidenza

La Fraglia volta pagina

Di Luca Delpozzo
m.to.

A meno di sor­p­rese dell’ultima ora, nuo­vo pres­i­dente del­la Fraglia Vela di Desen­zano sarà Luciano Gal­loni. Il noto velista di orig­ine gargnane­si e già pres­i­dente del è risul­ta­to, infat­ti, il più vota­to nelle elezioni del nuo­vo diret­ti­vo, aven­do rac­colto ben 84 preferenze.Alle sue spalle, nell’ordine, Nico­la Borzani con 75, Ste­fano Ramaz­zot­ti (74), Francesco Imper­adori (66), Alber­to Borzani e Mar­tin Rein­t­jes (62), quin­di Giuseppe Navoni (57), Rober­to Assante (51), Alfre­do Lam­per­ti e Dani­lo Poloni (48), Mario Piz­zat­ti (37), Ugo Giubelli­ni (34), Lui­gi Cabri­ni, pres­i­dente uscente, Val­ter Pavoni (31) e, Bruno Fez­zar­di (29 voti).Saranno questi, quin­di, i com­po­nen­ti del nuo­vo esec­u­ti­vo che sarà chiam­a­to a scegliere tra una deci­na di giorni il nuo­vo pres­i­dente, il cui nome, ripeti­amo, a meno di clam­orosi colpi di sce­na, dovrebbe essere pro­prio quel­lo di Galloni.Una can­di­datu­ra forte per le sue indis­cusse qual­ità pro­fes­sion­ali ed umane, ma anche inedi­ta per­ché, per la pri­ma vol­ta nel­la sua sto­ria, la Fraglia Vela sarebbe gui­da­ta da un uomo che non è nati­vo né res­i­dente a Desenzano.Questa scelta las­cia trasparire un’evidente volon­tà di scrol­lar­si dalle spalle forse un po’ di «local­is­mo» per indos­sare un abito meno stretto.I votan­ti era­no 110, com­pre­si i soci stu­den­ti con dirit­to di voto. Dunque le pref­eren­ze rac­colte da Luciano Gal­loni al suo pri­mo scru­ti­nio, come det­to ben 84 su 110 votan­ti, las­ciano pale­sare una decisa inver­sione di ten­den­za impres­sa dal­la mag­gio­ran­za degli iscrit­ti del bla­sonato cir­co­lo desenzanese.Una soci­età sporti­va il cui grande lavoro las­ci­a­to in ered­ità da Gigi Cabri­ni negli otto anni del­la sua pres­i­den­za si pre­sen­ta davvero notev­ole gra­zie a dei risul­tati come l’azzeramento del pas­si­vo accu­mu­la­to dal­la prece­dente ges­tione per effet­to del­la costruzione del­la nuo­va sede, il miglio­ra­men­to delle infra­strut­ture e dei servizi por­tu­ali, l’acquisto di otto nuovi natan­ti per la scuo­la vela e un pul­mi­no con car­rel­lo, quin­di la deci­sione di essere tes­ti­mo­ni­al per l’associazione ital­iana leucemi­ci (Ail) di Bres­cia e l’incisiva cam­pagna per attrarre sem­pre più gio­vani alla vela che ha vis­to la Fraglia con­quistare il pri­mo pos­to in Italia.E anco­ra: gli oltre 1000 soci tesserati, di cui 600 sono solo bam­bi­ni tra i 6 e i 14 anni, sen­za con­tare il fenom­e­nale pal­marès di tro­fei, coppe e targhe che debor­dano dalle vetrine del­la sede stor­i­ca del­la Mara­tona. A fian­co delle star del­la vela come Bruno Fez­zar­di e Luca Vale­rio, la Fraglia ha con­quis­ta­to nel­la scor­sa sta­gione con Ezio Amadori e Lino Bono­mi il tito­lo mon­di­ale nel­la classe nel­la acque france­si di Mar­siglia. Ma l’elenco dei pro­tag­o­nisti del­la vela desen­zanese è ovvi­a­mente ben più lungo.Il pres­i­dente uscente Gigi Cabri­ni, desen­zanese doc, essendo sta­to con­fer­ma­to anche nel nuo­vo diret­ti­vo siederà a fian­co dei ver­ti­ci soci­etari per pot­er offrire anco­ra la sua espe­rien­za. Anche se Luciano Gal­loni, di pro­fes­sion­al­ità e com­pe­ten­ze ne ha sicu­ra­mente da vendere.