Il direttore: «Pazienti al centro della nostra attenzione e gratificare il personale»

La gestione Mara Azzidebutta al Montecroce

Di Luca Delpozzo
M.TO.

«Un diret­tore che vuole offrire una diver­sa modal­ità di ges­tione azien­dale rispet­to a quel­la prece­dente». È il com­men­to di alcu­ni tra i numerosi pre­sen­ti all’incontro che il numero uno dell’azienda ospedaliera di Desen­zano, Mara Azzi, ha avu­to l’altro pomerig­gio con l’intero per­son­ale dell’ospedale Montecroce.E alle voci delle ultime set­ti­mane che davano il nuo­vo diret­tore già in parten­za dal­la sede di Desen­zano per andare altrove, Mara Azzi ha rispos­to pic­ca­ta: «Il mio manda­to, dec­re­ta­to dal­la giun­ta regionale, scadrà nel dicem­bre 2010 e fino ad allo­ra resto in car­i­ca». L’assemblea è com­in­ci­a­ta con un com­mosso ricor­do da parte del diret­tore di pre­sidio dot­tor Gian­pao­lo Bra­gan­ti­ni, segui­to da un min­u­to di silen­zio in memo­ria del dot­tor Faus­to Viga­sio, pri­mario oculista pre­mat­u­ra­mente scom­par­so la scor­sa settimana.È sta­to poi il turno del diret­tore gen­erale che ha ricorda­to le prin­ci­pali tappe del­la sua car­ri­era pro­fes­sion­ale in diverse realtà san­i­tarie, insom­ma una gavet­ta fat­ta a servizio del set­tore pub­bli­co. La man­ag­er ha pos­to l’accento sull’esigenza di «svilup­pare la comu­ni­cazione a tut­ti i vari liv­el­li per inter­loquire con i pazi­en­ti, che devono restare comunque al cen­tro del­la nos­tra atten­zione», men­tre sul per­son­ale ha rib­a­di­to che «essendo il ful­cro dell’azienda dovrà essere grat­i­fi­ca­to e sol­lecita­to ad oper­are bene», aggiun­gen­do infine che le deci­sioni del­la direzione «sono collegiali».Sono quin­di inter­venu­ti il diret­tore ammin­is­tra­ti­vo Adri­ano Vani, il quale ha riconosci­u­to un errore pas­sato, quel­lo di uno scol­la­men­to tra le varie com­po­nen­ti azien­dali, ma assi­cu­ran­do che «ver­rà pos­to rime­dio», e il diret­tore san­i­tario Gior­gio Barbaglio, che si è autodefini­to «un ani­male da direzione».

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti