Stop della Giunta al golf A S. Martino non si farà più la zona artigianale

La Giunta di Desenzano ha archiviato il progetto

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Desenzano del Garda

Viene manda­to defin­i­ti­va­mente in archiv­io il prog­et­to per la costruzione di un cen­tro golf a Desen­zano. La deci­sione irrev­o­ca­bile era sta­ta pre­sa tem­po fa dal­la Giun­ta di Desen­zano. L’al­tra sera, poi, nel cor­so del­l’assem­blea pub­bli­ca tenu­tasi nel cen­tro sociale di S. Mar­ti­no del­la Battaglia è sta­ta annun­ci­a­ta dal­la Giun­ta Pien­az­za. La prog­et­ta­ta strut­tura, che avrebbe dovu­to vedere la luce in una grande area sit­u­a­ta nei parag­gi del­l’au­tostra­da «Serenis­si­ma», era sta­ta più volte ogget­to di polemiche, in par­ti­co­lare per l’esten­sione del­la super­fi­cie giu­di­ca­ta un’enormità in un ter­ri­to­rio come Desen­zano: si parla­va di qua­si 1 mil­ione di metri quadri. Per alcu­ni oper­a­tori tur­is­ti­ci ed impren­di­tori, invece, l’af­fare si sarebbe dovu­to fare, nonos­tante l’utilizzo di una super­fi­cie tan­to imprtante. In cam­bio, sec­on­do i difen­sori dell’investimento, la cit­tad­i­na avrebbe guadag­na­to nel set­tore tur­is­ti­co, con un incre­men­to notev­ole di pre­sen­ze, fra l’al­tro con notev­ole capac­ità di spe­sa. Lo sport del golf, infat­ti, è con­sid­er­a­to, almeno qui in Italia, anco­ra un’attività sporti­va di élite, comunque prat­i­ca­ta da gio­ca­tori noto­ri­a­mente con un buon tenore di vita. Ma il cen­tro golfisti­co di Desen­zano avrebbe anche cor­so il ris­chio di trasfor­mar­si in un flop a causa del­l’estrema vic­i­nan­za di altri due impianti già avviati: il green dell’Arzaga e quel­lo di Soiano, per non par­lare di quel­lo ancor più anti­co di Bogli­a­co. E con il prog­et­to del nuo­vo golf la Giun­ta di Desen­zano ha mes­so da parte anche un sec­on­do poten­ziale inter­ven­to, sem­pre a San Mar­ti­no del­la Battaglia: la cosid­det­ta zona arti­gianale. «Non costru­ire­mo capan­noni e strade nel­la zona Pran­del, prati­ca­mente ai pie­di del­la torre risorg­i­men­tale — ha ril­e­va­to l’asses­sore Rudy Bertoni — sarebbe sta­to uno scem­pio per l’am­bi­ente stori­co, tan­to impor­tante per le battaglie del Risorg­i­men­to, e pae­sag­gis­ti­co con­ser­va­to anco­ra mira­colosa­mente. Indi­viduer­e­mo un’al­tra area meno pregev­ole». E, a propos­i­to del­la frazione desen­zanese, ricor­diamo che questo pomerig­gio alle ore 18, come ha comu­ni­ca­to l’asses­sore al tur­is­mo Ade­lio Zanel­li, si ter­rà nel­la Libre­ria Fel­trinel­li di cor­so Vit­to­rio a Roma un vernissage con la pre­sen­tazione del San Mar­ti­no DOC e la sua sto­ria. L’inzia­ti­va del lan­cio del prodot­to eno­logi­co garde­sano nel­la cap­i­tale rien­tra nell’ambito del­la man­i­fes­tazione «Pro­fu­mi, sapori e col­ori del­la provin­cia di Bres­cia», pro­mossa dal­l’Am­min­is­trazione provin­ciale. Anco­ra su San Mar­ti­no del­la Battaglia. La Giun­ta, gui­da­ta dal sin­da­co Pien­az­za, ha illus­tra­to i prin­ci­pali inter­ven­ti decisi per il prossi­mo tri­en­nio. Si trat­ta del com­ple­ta­men­to del cen­tro sporti­vo, affida­to al locale grup­po sporti­vo (lo stes­so che real­iz­za la grandiosa di mez­zo agos­to) e del­la costruzione di un maxi parcheg­gio per i Tir, vici­no all’ex chiesa. Pri­ma di met­tere nero su bian­co, tut­tavia, la Giun­ta dovrà rag­giun­gere un accor­do con i pro­pri­etari. Le richi­este più pres­san­ti dei cit­ta­di­ni sono state quelle di miglio­rare la seg­nalet­i­ca viaria su via Col­li Stori­ci e gli acces­si alla frazione. Infine, la Giun­ta ieri sera ha dato incar­i­co a due pro­fes­sion­isti, l’ing. Aldo Vit­to­rio Moli­nari e il dot­tor Mas­si­m­il­iano Valsec­chi, per stu­di­are l’at­tuale situ­azione del trasporto urbano e di met­tere a pun­to un prog­et­to che lo inte­gri con quel­lo sco­las­ti­co. Oggi a Desen­zano sono in fun­zione tre linee urbane. L’am­min­is­trazione vuole solo migliorarlo.

Parole chiave: