Il servizio di sorveglianza iniziato a giugno cessa a fine mese

La Guardia costiera se ne va Ha salvato ben 67 naviganti

25/09/2002 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Gargnano

Sta­gione agli sgoc­ci­oli sul Gar­da anche per i mari­nai del­la Guardia costiera da quat­tro anni, ma solo nel peri­o­do esti­vo, di stan­za al por­to di Bogli­a­co di Gargnano. Tir­eran­no in sec­ca la loro motovedet­ta a fine mese per far ritorno a Venezia. Il trasporto avver­rà via ter­ra da Peschiera. I mari­nai torner­an­no a casa, a Chiog­gia e Anzio, con­clu­den­do così la quar­ta avven­tu­ra sul Bena­co inizia­ta ad agos­to. Una pre­sen­za impor­tante. Numerosi anche ques­ta estate gli inter­ven­ti di sal­vatag­gio. Gra­zie al coor­di­na­men­to con cara­binieri, polizia, guardia di finan­za, vig­ili del fuo­co e volon­tari del Gar­da in caso di emer­gen­za subito sono scat­tati i soc­cor­si. Il numero d’emergenza 1530 è conosci­u­to sem­pre più da chi si avven­tu­ra sul lago, in bar­ca a vela, moto­scafo o sem­plice­mente in surf. Gli stes­si spot visti in tv a luglio e agos­to han­no per­me­s­so alla Guardia costiera di far­si conoscere dagli ital­iani. La sta­gione sul Gar­da è inizia­ta il pri­mo di giug­no; si con­clud­erà il 30 set­tem­bre anche se da più par­ti si vor­rebbe una cop­er­tu­ra mag­giore, ma da otto­bre in poi sul lago poche sono le barche e i moto­scafi in usci­ta dopo al con­clu­sione delle regate veliche. In quat­tro mesi di servizio la motovedet­ta ha soc­cor­so 67 per­sone e 27 natan­ti per com­p­lessive 45 uscite: 293 le ore di moto e 3.661 le miglia per­corse. Molte di più le seg­nalazioni, ma è anche accadu­to che si trat­tasse di fal­si allar­mi. I mari­nai di stan­za a Bogli­a­co gui­dati dal mares­cial­lo Mari­no Diomede han­no anche effet­tua­to un’ottantina d’uscite per adde­stra­men­to. La guardia costiera è sta­ta impeg­na­ta anche per le regate tenute­si sul lago di Gar­da ai pri­mi di set­tem­bre, Gor­la e Cen­tomiglia che han­no richiam­a­to oltre 700 equipag­gi. I dati dell’attività 2002 sono sta­ti dif­fusi lunedì sera durante un incon­tro tenu­tosi all’Hotel Bogli­a­co dove i mari­nai han­no allog­gia­to. Pre­sen­ti tra gli altri il prefet­to di Bres­cia Anna Maria Can­cel­lieri e il pres­i­dente del­la Provin­cia di Bres­cia Alber­to Cav­al­li. Han­no avu­to parole di riconoscen­za per l’attività del­la Guardia costiera Pino Mongiel­lo, pres­i­dente del­la Comu­nità del Gar­da, organ­is­mo che ha espres­sa­mente richiesto a feb­braio il servizio di guardia costiera, ha aus­pi­ca­to un ambizioso prog­et­to, quel­lo che il servizio di sorveg­lian­za ven­ga este­so sui dod­i­ci mesi. Nec­es­saria però la cop­er­tu­ra finanziaria.