Torna per il secondo anno consecutivo nel tesoro green alle porte di Verona la corsa più bella del mondo: 440 meravigliose vetture d’epoca percorreranno i viali del Parco Giardino.

La Mille Miglia al Parco Giardino Sigurtà

Di Redazione

Appuntamento imperdibile al Parco Giardino Sigurtà per gli appassionati delle quattro ruote! Nel pomeriggio di giovedì 18 maggio 2017 la fantastica cornice di primavera del pluripremiato angolo di verde farà da scenografia per il passaggio della Mille Miglia, la corsa più bella del mondo, giunta alla novantesima edizione. Per il secondo anno consecutivo il Parco ospiterà il passaggio di 440 straordinarie vetture d’epoca di altissimo valore storico, tecnico e sportivo che rappresentano 36 nazioni e 5 continenti: la carovana partirà da Brescia il 18 maggio, attraverserà luoghi di interesse storico, artistico e naturalistico del Bel Paese, giungerà a Roma per poi fare ritorno a Brescia il 21 maggio.

Novità per l’edizione 2017: il timbro che attesta la tappa della corsa sarà effettuato al Giardino.

Giuseppe Cherubini, Vicepresidente del Comitato Operativo, che ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione della stagione 2017 del Parco, tenutasi lo scorso 15 aprile, afferma: “Da sempre, esiste una fortissima correlazione d’immagine tra la Mille Miglia e il paesaggio italiano che le fa da cornice, le bellezze artistiche, architettoniche e naturali del nostro Paese. Ogni anno, partite da Brescia, le auto della Mille Miglia si vedono aprire le porte di alcune dei più bei centri storici d’Italia. Se le edizioni originali di velocità hanno avuto il merito di contribuire al progresso tecnologico automobilistico, il maggior pregio delle odierne rievocazioni è di diffondere in tutto il mondo alcune eccellenze del nostro Paese e l’immagine delle peculiarità italiane più positive”.

Le auto della Mille Miglia transiteranno nel Parco dalle 15 alle 19 e la circolazione dei trenini panoramici, delle biciclette e dei golf-cart sarà possibile all’interno del Giardino entro le ore 12.30.

 

Commenti

commenti