La minisindaca Tosca dichiara aperto «Carnevalarco»

29/01/2015 in Attualità
Parole chiave:
Di Redazione

Dieci anni, stu­dentes­sa di quin­ta alla scuo­la ele­mentare inti­to­la­ta all’il­lus­tre concit­tadi­no Gio­van­ni Segan­ti­ni, Tosca Braus – accom­pa­g­na­ta dal padre Daniele, «padre d’arte» in quan­to con­sigliere comu­nale – ha rice­vu­to nel­la tar­da mat­ti­na di giovedì 29 gen­naio dall’«ex» sin­da­co Alessan­dro Bet­ta l’in­vesti­tu­ra uffi­ciale a min­isin­da­ca di Arco. Neanche il tem­po di dichiarare aper­ta l’edi­zione 2015 di «Carnevalar­co», la pri­ma cit­tad­i­na ha dovu­to affrontare la pri­ma incomben­za di gov­er­no, ovvero la con­feren­za stam­pa di pre­sen­tazione del pro­gram­ma del , pre­sen­ti il «non più sin­da­co» Alessan­dro Bet­ta, l’asses­so­ra al tur­is­mo Mar­i­aluisa Tav­erni­ni e il pres­i­dente del Grup­po Costrut­tori Asso­ciati (ente orga­niz­za­tore) Mario Matteotti.

La tradizionale investi­tu­ra del min­isin­da­co ha dato il via uffi­ciale al tradizionale, spet­ta­co­lare appun­ta­men­to con le maschere, le sfi­late e il con­cor­so a pre­mi, i giochi, il teatro, il bal­lo mascher­a­to e la sfi­la­ta dei car­ri alle­gori­ci. «Carnevalar­co», orga­niz­za­to dal «Grup­po Costrut­tori» (nato dal­la fusione dei vari grup­pi che in pas­sato real­iz­za­vano il cele­bre Carnevale di Arco, ese­cu­tori mate­ri­ali e ani­ma­tori dei car­ri alle­gori­ci) ha l’en­tu­si­as­ta sosteg­no del Comune di Arco, e si svolge dal 7 feb­braio al 15 febbraio.

Seria, con­sapev­ole del­la grande respon­s­abil­ità che l’at­tende, la min­isin­da­ca Tosca Braus non ha rilas­ci­a­to dichiarazioni, se non – incalza­ta dai gior­nal­isti – per riv­e­lare che da grande farà l’in­seg­nate, e che asse por­tante del suo pro­gram­ma di gov­er­no sarà la real­iz­zazione di un grande par­co diver­ti­men­ti, sul­lo stile di Garda­land, in una zona del­la cam­pagna arcense anco­ra da indi­vid­uare. Quin­di ha las­ci­a­to la paro­la ai col­leghi di Giunta.

L’asses­so­ra Mar­i­aluisa Tav­erni­ni ha così potu­to infor­mare che, nonos­tante le dif­fi­coltà eco­nomiche che tut­ti sap­pi­amo, l’Am­min­is­trazione comu­nale ha deciso di evitare tagli al Grup­po Costrut­tori, in modo da pot­er val­oriz­zare anche quest’an­no una man­i­fes­tazione tra le più antiche, note e apprez­zate di Arco: «Il Carnevale ha una forte valen­za tur­is­ti­ca – ha det­to l’asses­so­ra – ed è capace di un rag­guarde­v­ole indot­to, ma anche di un’azione di pro­mozione di grande inter­esse. Quest’an­no, poi, con l’idea del Grup­po Costrut­tori di dedi­care l’edi­zione 2015 alla rie­vo­cazione dei Carnevali del pas­sato, si pre­an­nun­cia un suc­ces­so anco­ra mag­giore. Un’idea che ha aggiun­to ai pun­ti di forza del Carnevale anche una dimen­sione cul­tur­ale e umana, ben sim­bo­leg­gia­ta dai volti degli Arcensi in posa per le edi­zioni di un lon­tano pas­sato, nelle gigan­tografie esposte nelle vie del­la cit­tà, tan­to apprez­zate in queste settimane».

Alessan­dro Bet­ta si è volu­to com­pli­menta­re con gli orga­niz­za­tori: «Il tema di quest’an­no è il tem­po – ha det­to il sin­da­co – ed è un’idea forte e rius­ci­ta che si rias­sume in modo effi­cace nelle gran­di immag­i­ni fotogra­fiche esposte in cit­tà, capaci di sus­citare gran­di emozioni, di sol­lecitare rif­les­sioni e ricor­di, e soprat­tut­to di rin­forzare il sen­so di apparte­nen­za del­la nos­tra comu­nità. Il Grup­po Costrut­tori è una grande famiglia atti­va e cre­ati­va, del­la cui mer­i­to­ria attiv­ità tut­ta la cit­tà è grata».

Il pres­i­dente del Grup­po Costrut­tori Asso­ciati Mario Mat­teot­ti ha illus­tra­to il pro­gram­ma del­la nuo­va edi­zione, assi­cu­ran­do che le pro­poste del­l’am­pio cartel­lone sono tutte di altissi­mo liv­el­lo, tali da ren­dere Carnevalar­co 2015 un appun­ta­men­to da non perdere.

Il pro­gram­ma

Anche quest’an­no, dunque, pic­coli e gran­di potran­no assis­tere alle sfi­late dei car­ri alle­gori­ci, sui quali sarà anche pos­si­bile salire, e parte­ci­pare alla sfi­la­ta delle mascher­ine, oltre che ai tan­tis­si­mi spet­ta­coli e all’in­de­scriv­i­bile «ArcoRi­da», una cor­ri­da in cui i più improb­a­bili per­son­ag­gi che si cimen­tano in esi­bizioni comiche, quest’an­no di tipo canoro. Per la dura­ta del­la man­i­fes­tazione nel cen­tro stori­co cit­tadi­no rimane allesti­ta la mostra fotografi­ca «Arco de ‘na volta».

Pro­gram­ma su www.carnevalarco.com/carnevale_inverno

 

Parole chiave: