Costa 130 milioni e opererà tutto l’anno: effettuerà controlli e garantirà il soccorso

La Provincia mette in acqua la motovedetta

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Angiolino Massolini

Il por­tic­ci­o­lo di Vil­la Garu­ti a Padenghe ha ospi­ta­to il varo del­la nuo­va motovedet­ta in dotazione alla Polizia provin­ciale itti­co-vena­to­ria coor­di­na­ta da Giuseppe Lori­ni. Al taglio del nas­tro sono inter­venu­ti il pres­i­dente del­la Provin­cia, Alber­to Cav­al­li, e l’assessore alla Pesca, Cac­cia, Sport e Tem­po libero Alessan­dro Sala, insieme a numerosi pres­i­den­ti e soci di club affil­iati alla Fed­er­azione pesca sporti­va. Cav­al­li ha sot­to­lin­eato l’importanza di avere dota­to le forze di polizia provin­ciali di un mez­zo mod­er­no, in gra­do di inter­venire in pochi minu­ti. «Da tem­po dove­va­mo sos­ti­tuire l’obsoleta piloti­na — ha det­to il pres­i­dente del­la Provin­cia — e cre­di­amo di aver com­pi­u­to una scelta ocu­la­ta per­chè gli agen­ti si sono dichiarati molto sod­dis­fat­ti del nuo­vo mez­zo a loro dis­po­sizione». Addirit­tura entu­si­as­ta Alessan­dro Sala: «La scelta di ques­ta imbar­cazione è sta­ta par­ti­co­lar­mente dif­fi­cile — ha osser­va­to l’assessore -, ser­vi­va un mez­zo affid­abile e sicuro per­chè oper­erà tut­to l’anno, con qual­si­asi con­dizioni meteo, per un totale di cir­ca 800 ore di . La nuo­va motovedet­ta potrà rag­giun­gere ogni ango­lo del Gar­da, anche quel­li a pri­ma vista inac­ces­si­bili e siamo quin­di sod­dis­fat­ti del­la scelta oper­a­ta». Ques­ta imbar­cazione è sta­ta real­iz­za­ta dal­la Rio di Vil­lon­go e cos­ta 130 mil­ioni. È spin­ta da un motore di 200 Cv Vol­vo Pen­ta e può rag­giun­gere la veloc­ità di 35 nodi. Dispone di una sofisti­ca­ta attrez­zatu­ra, dall’ecoscandaglio al radar; dal Gps (let­tore satel­litare carte nau­tiche) alle radio di servizio e Vhf per il soc­cor­so mari­no; dal­la bus­so­la ai fari di pro­fon­dità ad altri con­geg­ni elet­tron­i­ci in gra­do di con­trol­lare in qual­si­asi momen­to, in con­dizioni meteo anche avverse, quan­to avviene sul lago. Ques­ta motovedet­ta sos­ti­tu­isce dopo 22 anni di ono­ra­to servizio la «piloti­na» ovvi­a­mente meno attrez­za­ta di ques­ta nuo­va imbar­cazione. La motovedet­ta potrà con­tare su due pat­tuglie coor­di­nate dal capo set­tore Dario Saleri, che si gioverà del­la col­lab­o­razione del som­moz­za­tore Gian­car­lo Com­in­ci­oli uni­ta­mente a Francesco Rag­gi e Romeo Girelli. La nuo­va imbra­cazione è già oper­a­ti­va e pro­prio nel pri­mo giorno di nav­igazione è inter­venu­ta per portare a riva una cop­pia tedesca rimas­ta in panne nel bel mez­zo del lago con il pro­prio canotto.

Parole chiave: