C'è una lettera a firma di Vittorio Carreri, dirigente della Direzione generale Sanità della Regione

La Regione ha deciso il monitoraggio del fenomeno-alghe

Di Luca Delpozzo
m.to.

C’è una let­tera a fir­ma di Vit­to­rio Car­reri, diri­gente del­la Direzione gen­erale San­ità del­la Regione, che annun­cia per la pri­ma vol­ta che «nel cor­so del­la sta­gione bal­n­eare 2001 sarà attua­to il piano di mon­i­tor­ag­gio algale». Viene quin­di alle­ga­to l’e­len­co com­ple­to delle spi­agge dove tale mon­i­tor­ag­gio ver­rà ese­gui­to. Il fenom­e­no abnorme delle alghe ha, come si ricorderà, causato dis­a­gi e gravi dan­ni eco­nomi­ci ai bag­nan­ti e ai Comu­ni riv­ieraschi, in par­ti­co­lare a quel­li di Peschiera, in Vene­to, di Sirmione e Desen­zano, con punte mar­gin­ali anche a Moni­ga e Marer­ba. L’in­ter­ven­to pre­an­nun­ci­a­to dagli organi del­la san­ità regionale era atte­so da un paio d’an­ni, da quan­do cioè la pro­lif­er­azione di veg­ete­tazione, che si stac­ca dal fon­dale nei peri­o­di più cal­di del­la sta­gione, ha com­in­ci­a­to a fare la sua apparizione. Sulle medes­ime local­ità, inoltre, ver­rà appli­ca­to la dero­ga per il para­metro dell’ossigeno dis­ci­olto: questo per evitare una peri­colosa involuzione delle spi­agge e il loro auto­mati­co pas­sag­gio nel­la fas­cia nera. Tut­tavia, il probe­ma non è sta­to affronta­to anco­ra seri­amente. Sono com­in­ciati alcu­ni stu­di sci­en­tifi­ci, d’ac­cor­do, ma si sono visti anco­ra in fun­zione i bat­tel­li taglia-alghe. La Provin­cia ha assi­cu­ra­to che ne man­derà uno in acqua per ques­ta sta­gione. Il peri­co­lo è che Sirmione e altre local­ità del bas­so lago pos­sano essere nuo­va­mente invase dalle erbe nel­la prossi­ma estate.