Gastronomia doc musica e tanto sport

La ricetta vincente della Festa del Vino

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
m.to.

Cinque giorni da leoni atten­dono San Mar­ti­no del­la Battaglia, la famosa frazione del­la Torre risorg­i­men­tale. Cinque giorni indi­men­ti­ca­bili per i volon­tari del Grup­po sporti­vo, guida­to da Ezio Bre­da, cinque giorni di bal­do­ria e fes­teggia­men­ti per gli abi­tan­ti e i tur­isti. E’ la , la più grande sagra popo­lare del Gar­da, che non teme rivali quan­to a numero di vis­i­ta­tori. Ogni sera, infat­ti, migli­a­ia di per­sone si river­sano sul grande cam­po sporti­vo di San Mar­ti­no per man­gia­re e bere quan­to di meglio pos­sa offrire la cuci­na e la pro­duzione locale. Per gli oltre cen­to volon­tari del grup­po sporti­vo è una scommes­sa che si rin­no­va ogni agos­to. Rin­un­ciano alle vacanze, per­chè per preparare ques­ta sagra ci lavo­ra­no da mesi, per fornire il loro insos­ti­tu­ibile appor­to al suc­ces­so del­la fes­ta. Con il rica­va­to degli incas­si il sodal­izio riesce a soprav­vi­vere e ad incre­mentare le attiv­ità sportive. Ed è gra­zie al grup­po se i bam­bi­ni del­la frazione pos­sono con­tare su impianti sportivi e su un’or­ga­niz­zazione eccel­lente. San Mar­ti­no si veste a fes­ta per il suo momen­to magi­co. Anche se da qualche anno, con la nuo­va par­roc­chia, con il nuo­vo cen­tro sociale, con la costruzione di numerose abitazioni e alcu­ni negozi, la frazione sta crescen­do a vista d’oc­chio. Sono sem­pre più numerosi, infat­ti, i desen­zane­si che preferiscono allon­ta­nar­si dal capolu­o­go, ormai invivi­bile in cer­ti momen­ti del­l’an­no, per venire a vivere all’om­bra del­la torre, in mez­zo a una cam­pagna splen­di­da e seg­na­ta da per­cor­si che si adden­tra­no nel­l’en­troter­ra. In 26 anni la Fes­ta del non ha cam­bi­a­to la sua veste orig­i­nale: sem­mai ha saputo met­tere in mostra una buona capac­ità di attrazione gra­zie a pic­coli ma bril­lan­ti ritoc­chi. Il via alla man­i­fes­tazione è fis­sato per stasera alle 19 con l’aper­tu­ra uffi­ciale, cui seguirà alle 21 cir­ca il salu­to del sin­da­co Cino Anel­li e del pres­i­dente del Grup­po sporti­vo. Poi spazio all’orches­tra Rug­gero Scan­di­uzzi. Domani, alle 9, passeg­gia­ta in bici, alle 15 gara di cross con trat­tori, alle 16 tor­neo di mini­ball e alle 21 ser­a­ta dan­zante con l’orches­tra Tit­ti Bianchi. Lunedì alle 19 gara di brisco­la e alle 21 anco­ra musi­ca con il grup­po Fran­co Bagut­ti. Mart­edì alle 16 gara di frec­cette e in ser­a­ta esi­bizione del­l’orches­tra Camil­lo del Vho. Mer­coledì 15, Fer­ragos­to, il gran finale. Alle 9 gara podis­ti­ca, alle 17 gara di boc­ce, alle 21 ser­a­ta dan­zante con l’orches­tra Fran­co e Vale­ri­ana, alle 22 con­seg­na dei riconosci­men­ti­ai molti espos­i­tori di vini Doc, e alle 23 l’at­te­so spet­ta­co­lo pirotec­ni­co cura­to da Mar­co Fior­i­ni. Tutte le sere fun­zion­er­an­no gli stand enogas­tro­nomi­ci con una stra­or­di­nar­ia scelta di piat­ti: risot­ti, spaghet­ti, porchet­ta, lumache, spiedo, cotiche, ecc. All’in­ter­no del­la fes­ta, che sarà pre­sen­ta­ta e ani­ma­ta dal noto con­dut­tore Nino Fras­si, ci sarà una mostra per­ma­nente di pit­tura e scul­tura, una ruo­ta gigante del­la for­tu­na con ric­chi pre­mi, una pesca di benef­i­cen­za e un effi­ciente servizio bar.

Parole chiave: