La pulizia affidata ad una cooperativa di Isorella. L’aiuto della Fondazione Cab

La Rocca respinge l’assaltodelle piante infestanti

16/07/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
R.D.

Pros­eguono i lavori per rip­ulire le mura del­la Roc­ca di Lona­to. La , gra­zie al con­trib­u­to del­la Fon­dazione Cab di Bres­cia, ha con­fer­i­to alla coop­er­a­ti­va Il Quadri­foglio di Isorel­la uno spe­ciale incar­i­co per pro­cedere alla dis­in­fes­tazione del­la veg­e­tazione che amman­ta le mura del­la Roc­ca di Lonato.La Roc­ca è un mon­u­men­to nazionale dal 1912, ma non appar­tiene al Comune: venne acquis­ta­ta nel 1920 da Ugo Da Como e appar­tiene al com­p­lesso mon­u­men­tale che il sen­a­tore bres­ciano volle legare alla Fon­dazione che ha oggi sede a Lona­to. Una veg­e­tazione erbacea ed arbus­ti­va pluri­en­nale minac­cia­va l’integrità del para­men­to murario di questo eccezionale edi­fi­cio. Un atten­to stu­dio pre­lim­inare dell’agronomo Gian­pietro Bara ha indi­vid­u­a­to le strate­gie d’intervento che han­no per­me­s­so l’eliminazione delle infestanti.Mirati trat­ta­men­ti con sostanze chimiche a bas­so impat­to ambi­en­tale, final­iz­za­ti a devi­tal­iz­zare gli appa­rati rad­i­cali delle varie specie, segui­ti dal­la rimozione mec­ca­ni­ca dei residui veg­e­tali, han­no per­me­s­so di rimet­tere grad­ual­mente in luce le antiche pietre.Il prog­et­to com­prende diverse fasi cor­re­late e non si è esauri­to, pur essendone già vis­i­bili gli otti­mi risul­tati. Questo par­ti­co­lare trat­ta­men­to dovrà essere con­sol­ida­to nel cor­so del­la sta­gione veg­e­ta­ti­va e man­tenu­to nei prossi­mi anni. Nel mese di giug­no è sta­to prat­i­ca­to un nuo­vo trat­ta­men­to dis­er­bante con l’obiettivo di elim­inare le specie erbacee orig­i­nate­si dai semi pre­sen­ti negli inter­stizi murari ed asportare i lim­i­tati ricac­ci delle specie arbus­tive non com­ple­ta­mente devi­tal­iz­zate dagli inter­ven­ti del­lo scor­so anno.Un con­tin­uo mon­i­tor­ag­gio del­la situ­azione, con­nes­sa anche all’entità delle pre­cip­i­tazioni estive, con­sen­tirà di definire i tem­pi ed i prodot­ti più idonei da imp­ie­gare nei suc­ces­sivi due inter­ven­ti che pre­sum­i­bil­mente potran­no col­lo­car­si nei mesi di agosto/settembre e ottobre/novembre 2008. Dal prossi­mo anno la coop­er­a­ti­va Il Quadri­foglio ritiene che un paio di inter­ven­ti annu­ali potran­no essere suf­fi­ci­en­ti a man­tenere sot­to con­trol­lo la situ­azione.

Parole chiave: