Presentata l’iniziativa che il 5 ottobre unirà sindaci, rappresentanti pubblici, religiosi e pellegrini sullo storico itinerario della fede veronese

La Salita della Speranzamette insieme i politici

16/09/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Barbara Bertasi

Politi­ci ver­so la «Sali­ta del­la Sper­an­za». Il San­tu­ario del­la Madon­na del­la Coro­na avvolto da nubi, ad indi­carne la posizione ardi­ta, quat­tro pel­le­gri­ni che avan­zano insieme ver­so quel­la meta di fede comune. È l’immagine stiliz­za­ta da Gian­car­lo Zuc­conel­li, che annun­cia la «Sali­ta del­la Sper­an­za», inedi­ta inizia­ti­va che si ter­rà il 5 otto­bre tra il Bal­do e la Val­dadi­ge. L’idea è sta­ta del sin­da­co di Brenti­no Bel­luno, Vir­gilio Asilep­pi, subito sup­por­t­a­to dai vici­ni di Capri­no, Ste­fano San­dri, e di Fer­rara di M.Baldo, Pao­lo Rossi; e quin­di da più col­leghi dell’Est, dell’Ovest, del Sud veronese, del Vicenti­no, del­la Provin­cia e del­la Regione nonché dal sin­da­co di Verona, .L’iniziativa è sta­ta annun­ci­a­ta ai Palazzi Scaligeri ieri, gior­na­ta sig­ni­fica­ti­va, per­ché fes­tiv­ità dell’Addolorata, alla quale è ded­i­ca­ta la basil­i­ca del­la Coro­na, nel giorno che segui­va la visi­ta di papa Benedet­to XVI a Lour­des, dove ha evo­ca­to la sua Pri­ma Enci­cli­ca «Spe Salvi».A fare gli onori di casa, il vicepres­i­dente e sin­da­co di Rovere­do di Guà, Anto­nio Pas­torel­lo. C’erano, con Asilep­pi, il vic­ario gen­erale mon­sign­or Giuseppe Pel­le­gri­ni per il vesco­vo mon­sign­or Giuseppe Zen­ti, che da mesi ha dato l’assenso all’iniziativa. Pre­sen­ti l’assessore regionale alle politiche sociali Ste­fano Valdegam­beri, i pri­mi cit­ta­di­ni di Zimel­la Gian­car­lo Lunar­di, di Recoaro Terme Fran­co Viero, l’assessore Gabriel­la Orlan­di per Grez­zana. Loro ci saran­no. E stan­no lavo­ran­do per­ché l’iniziativa abbia il mag­giore con­sen­so pos­si­bile, coin­vol­gen­do politi­ci di ogni «col­ore», famiglie e gio­vani. «Nel­la sper­an­za che questo nos­tro luo­go di preghiera, già meta di migli­a­ia di pel­le­gri­ni, si trasfor­mi in una miniatu­ra di San­ti­a­go de Com­postela», nota il vicario.«Abbiamo pen­sato a una “Sali­ta del­la Sper­an­za” per più motivi» esor­disce Asilep­pi. «Per­ché la sper­an­za dovrebbe essere la virtù che accom­pa­gna noi ammin­is­tra­tori tut­ti i giorni nelle nos­tre dif­fi­coltà e che dovrebbe, quo­tid­i­ana­mente, sor­reg­ger­ci. “Sper­an­za” per­ché aus­pichi­amo che Verona, quest’enorme provin­cia, tro­vi un’identità lavo­ran­do insieme con forza prog­et­tuale eco­nom­i­ca e sociale. “Sper­an­za” per­ché la Madon­na nel­la sto­ria ne ha data tan­ta, come a chi, ad ogni guer­ra, sali­va alla Coro­na per chieder­le sal­va la vita».Quando ne par­lò «in prim­is» con Zen­ti, Asilep­pi assi­cu­ra che il vesco­vo se ne disse «entu­si­as­ta», pur temen­do «una stru­men­tal­iz­zazione». Stru­men­tal­iz­zazione che i sin­daci assi­cu­ra­no non ci sarà: «Tut­ti pos­sono unir­si, come faran­no anche i Comu­ni di Dol­cé, Belfiore, Mozze­cane, Boscochiesan­uo­va, Castag­naro, Rovere­do di Guà e Sal­iz­zole, altri asses­sori region­ali, come Gian­car­lo Con­ta e Mas­si­mo Gior­get­ti e l’invito è este­so ai par­la­men­tari. Con­ta, con la col­le­ga Isi Cop­po­la, un mese fa sono sta­ti dal vesco­vo assi­cu­ran­do un sosteg­no per il “Il Sen­tiero del Pel­le­gri­no”, in con­dizioni pietose».Il vic­ario gen­erale ha inci­ta­to a pro­cedere su questo fronte, a val­oriz­zare, anzi, tut­ti i sen­tieri diret­ti alla Coro­na: «È nota l’importanza stor­i­ca dei pel­le­gri­nag­gi, questo potrebbe diventare il più sig­ni­fica­ti­vo del­la dio­ce­si, seg­no del­la ricer­ca del­la sper­an­za che sta in noi. È bel­lo che siano i politi­ci a sen­tirne la neces­sità in una soci­età i cui peri­coli sono indi­vid­u­al­is­mo e deside­rio di emerg­ere, men­tre pri­or­ità va data al servizio», dice. «Spe­ri­amo si avvii un lavoro per il bene comune, pri­mo dovere degli ammin­is­tra­tori. Come ogni cam­mi­no in sali­ta sarà arduo, ma nul­la si ottiene sen­za fatica».Sandri e Rossi han­no ricorda­to che si pro­muoverà pure il mer­av­iglioso ter­ri­to­rio, coin­vol­gen­do molti tur­isti. Parten­za alle 9 da Brenti­no, mes­sa alle 11.30 in basil­i­ca. Alle 13.30 e dopo le 15.30 bus da Spi­azzi per Brenti­no. Lun­go il sen­tiero pun­ti ris­toro e pre­si­di del­la Croce Rossa. Più ris­tora­tori di Spi­azzi han­no prepara­to menù a prezzi con­ve­ni­en­ti.

Parole chiave: