Neve e buona affluenza

La scuola di scifesteggiai primi 40 anni

24/02/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
S.J.

La neve non man­ca, l’entusiasmo nem­meno. Sul , ai 1760 metri di Trat­to Spino, la sta­gione sci­is­ti­ca sta chi­u­den­do i bat­ten­ti e, nonos­tante i numeri tutt’altro che da capogiro, non man­ca la sod­dis­fazione per un inver­no che ha dato seg­ni di ripresa per il set­tore degli sport inver­nali. Chi si appres­ta a fes­teggia­re i quarant’anni d’attività del­la scuo­la di sci con il sor­riso sul viso è Il mae­stro di sci Pietro Monaci. Il papà Adri­ano a fine anni Ses­san­ta abban­donò Fop­po­lo, nota local­ità berga­m­as­ca nell’alta Val Brem­bana, per trasferir­si armi e bagagli a Mal­ce­sine. L’obiettivo? Fon­dare sul Monte Bal­do una scuo­la di sci. Una scelta non facile ma alla fine vin­cente tan­to che ancor oggi il figlio Pietro, diret­tore del­la scuo­la, con­tin­ua a fare da balia ai tan­ti pic­coli sciatori.«Non pos­si­amo cer­to lamentar­ci, soprat­tut­to in una sta­gione baci­a­ta dal­la neve», affer­ma Pietro. «Gli stranieri sono pochi anche per­ché sen­za inneva­men­to arti­fi­ciale diven­ta dif­fi­cile pro­gram­mare pac­chet­ti tur­is­ti­ci con i tour oper­a­tor. Per la nos­tra attiv­ità non ci lamen­ti­amo e siamo pron­ti a fes­teggia­re la chiusura del­la sta­gione, il 1 mar­zo, con la gara sociale del­lo sci club Monte Baldo».«Le piste sono cop­erte da quar­an­ta-cinquan­ta cen­timetri di man­to bian­co, per­fet­ta­mente bat­tute dal Con­sorzio funi­vie. In fun­zione sono le piste Paperi­no, Col­ma e Poz­za del­la Stel­la oltre a Prà Alpesina. A questi impianti aggiun­giamo l’indotto che dà sola por­ta la funi­via con cab­ine rotan­ti che invoglia gli sci­a­tori a salire sul Bal­do anche per il solo gus­to di una passeg­gia­ta in mez­zo alla neve con vista sul lago o per un pran­zo in quota».Lo pro­va l’affluenza record del­la pri­ma domeni­ca di feb­braio con oltre 1800 bigli­et­ti stac­cati men­tre duran­tela set­ti­mana il movi­men­to di passeg­geri si attes­ta tra le 300–400 per­sone: il doppio nei fine set­ti­mana. E se dopo aver res­pi­ra­to aria a pol­moni aper­ti a qual­cuno viene voglia d’in­for­care gli sci può sem­pre fare un salto alla scuo­la di sci che sorge a pochi metri dal­la stazione a monte del­la funi­via.

Parole chiave: