A dieci anni dalla sua ultima edizione, come già preannunciato tempo fa, torna la «Stella del Garda»,

La Stella del Garda ritorna a brillare

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Lago di Garda

A dieci anni dal­la sua ulti­ma edi­zione, come già pre­an­nun­ci­a­to tem­po fa, tor­na la «Stel­la del Gar­da», il famoso pre­mio ris­er­va­to ai migliori prodot­ti del Lugana. La cer­i­mo­nia si ter­rà nel pomerig­gio di saba­to 19 otto­bre nel­la Sala «Radet­zky» del­l’ex caser­ma di Por­ta Verona a Peschiera, trasfor­ma­ta in un cen­tro cul­tur­ale di rilie­vo europeo. Cinque le cat­e­gorie ammesse al pre­mio: Lugana, Lugana elab­o­ra­to in bar­rique, Lugana supe­ri­ore, Lugana spumante Char­mat e Lugana spumante Clas­si­co. Tre, invece, le sezioni. La pri­ma riguarderà la «Selezione dei tec­ni­ci», la sec­on­da i «Lugana del­la stam­pa» (asseg­nazione del pre­mio alla stam­pa), la terza la «Stel­la del Gar­da» vera e pro­pria che ver­rà asseg­na­ta a quelle aziende che avran­no ottenu­to per tre volte negli ulti­mi cinque anni il pre­mio spe­ciale. Nel­la sua veste orig­i­nar­ia, il pre­mio veni­va con­fer­i­to da una giuria di esper­ti al Lugana che avesse ottenu­to il pun­teg­gio di almeno 80/centesimi per almeno tre anni e la con­seguente qual­i­fi­ca di «otti­mo». In cir­ca ven­t’an­ni di pre­sen­za, la «Stel­la d’Oro» ebbe grande noto­ri­età soprat­tut­to nel­la cor­nice mon­dana di Sirmione dove gen­eral­mente la cer­i­mo­nia con­clu­si­va si svol­ge­va. Ora, con la sua riesumazione, il Con­sorzio , pre­siedu­to da Pao­lo Fabi­ani, intende riportare alla rib­al­ta l’eccellente vino del bas­so lago.

Parole chiave: -