Una quindicina di modelli che hanno fatto grande il ciclismo italiano è esposta nella galleria del centro commerciale, accompagnata da miniature di grandi ciclisti del passato

La storia della bicicletta fa tappa al Leone

16/05/2019 in Attualità
Parole chiave:
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

In con­tem­po­ranea con il Giro d’Italia, Il Leone Shop­ping Cen­ter ospi­ta “Sto­ria del­la bici­clet­ta”, un’esposizione di bici­clette storiche dal veloci­pede fino alle due ruote che han­no fat­to grande il ciclis­mo in Italia. Fino al 26 mag­gio, nel­lo spazio al pri­mo piano sono esposti una quindic­i­na di mod­el­li stori­ci di bici­clette da cor­sa e non solo, tut­ti pezzi orig­i­nali di una collezione pri­va­ta, oltre ad altri cimeli legati al mon­do del ciclis­mo. Gli appas­sion­ati delle due ruote potran­no ammi­rare i mod­el­li immor­ta­lati nelle gran­di imp­rese ciclis­tiche dal 1908 ai giorni nos­tri, la collezione è rap­p­re­sen­ta­ti­va di ogni decen­nio del sec­o­lo scor­so fino all’ultimo mod­el­lo del 2015. Ogni bici­clet­ta è accom­pa­g­na­ta da una sche­da tec­ni­ca che ne rias­sume le carat­ter­is­tiche e l’anno di costruzione. Accan­to al veloci­pede ci sono anche due storiche Gra­ziel­la, una edi­zione lim­i­ta­ta Carniel­li Oro e un tan­dem. La collezione, di pro­pri­età di Raf­faele Bertoluc­ci, un ciclista ama­to­ri­ale del­la provin­cia di Mod­e­na che negli anni ha rac­colto, restau­ra­to e con­ser­va­to decine di due ruote soprat­tut­to da cor­sa, è sta­ta arric­chi­ta anche dall’esposizione di alcune ripro­duzioni delle maglie orig­i­nali del Giro d’Italia dell’inizio del sec­o­lo scor­so. Un pic­co­lo par­adiso per gli appas­sion­ati di ciclis­mo.

A com­pletare la mostra ci sono anche una venti­na di minia­ture dei ciclisti cam­pi­oni del pas­sato (da Moser a Bar­tali pas­san­do da Mer­ckx), ma anche di ripro­duzioni di alcune scene entrate nel­la memo­ria comune di questo sport, come il miti­co pas­sag­gio del­la bor­rac­cia fra Bar­tali e Cop­pi durante il Tour de France del ’52.

Oltre all’esposizione, aper­ta tut­ti i giorni fino a domeni­ca 26 negli stes­si orari di aper­tu­ra del cen­tro, domeni­ca 19 ci sarà una dimostrazione di real­iz­zazione dei mod­el­li­ni delle bici da cor­sa e di ciclisti da collezione.

Saba­to 25 mag­gio, infine, la mostra ver­rà ulte­ri­or­mente arric­chi­ta dall’arrivo di quat­tro hand­bike che per una gior­na­ta tro­ver­an­no pos­to al cen­tro com­mer­ciale gra­zie alla col­lab­o­razione con Active Sport di Gus­sa­go, soci­età molto atti­va nel­la pro­mozione delle attiv­ità sportive in favore dei dis­abili. Per tut­ta la gior­na­ta alcu­ni atleti del­la Active Sport saran­no pre­sen­ti al Leone per rac­con­tare l’evoluzione delle hand­bike, ma soprat­tut­to per fare pro­mozione rispet­to alle pro­prie attiv­ità sportive, “in modo che la pos­si­bil­ità di fare sport anche a liv­el­lo ago­nis­ti­co arrivi all’orecchio di quante più per­sone dis­abili pos­si­bili” rias­sume Eleono­ra Cor­nac­chiari, ref­er­ente hand­bike per la soci­età. Le quat­tro bici­clette esposte non saran­no tutte uguali ma riper­cor­reran­no la sto­ria di questo sport da quan­do nacque vent’anni fa con le prime hand­bike attac­cate alla car­rozzi­na, fino alle più mod­erne in car­bo­nio con cam­bio auto­mati­co.

L’ultimo appun­ta­men­to del mese, domeni­ca 26, sarà anco­ra ded­i­ca­to allo sport ma ques­ta vol­ta sarà riv­olto ai bam­bi­ni e si trat­terà del­la pal­la a spic­chi: il Leone ospiterà, come ormai con­sue­tu­dine, “Una gior­na­ta da Leoni”, il tor­neo di mini­bas­ket orga­niz­za­to in col­lab­o­razione con Bas­ket Aquile.

Parole chiave:

Commenti

commenti