In via Giotto a Desenzano, inaugurazione il 7 gennaio Marco Polo, nuova sede e un auditorium per tutti

La struttura può ospitare oltre 400 persone; palestra con tribuna

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Gli stu­den­ti del­l’is­ti­tu­to pro­fes­sion­ale del com­mer­cio, tur­is­mo e grafi­ca pub­blic­i­taria «Mar­co Polo» di Desen­zano tra poco avran­no una nuo­va sede. L’asses­sore ai LlPp del­la Provin­cia di Bres­cia, , con­seg­na oggi le chi­avi del nuo­vo edi­fi­cio al pre­side, per con­sen­tire l’ef­fet­tuazione delle pulizie di fini­tu­ra e dei traslochi degli arre­di. L’in­au­gu­razione uffi­ciale del nuo­vo Mar­co Polo avver­rà il 7 gen­naio, alla ripresa delle lezioni dopo le vacanze natal­izie. I lavori per la costruzione del nuo­vo plesso sco­las­ti­co, iniziati nel giug­no del 2001, sono ter­mi­nati a novem­bre 2003. La nuo­va sede sco­las­ti­ca, che sorge su un’area di cir­ca 10mila metri qua­drati tra via Giot­to e via Michelan­ge­lo, è costa­ta 4 mil­ioni e 648mila euro (con una com­parte­ci­pazione del Comune di Desen­zano, che ha con­tribuito con 500mila euro). Gli stu­den­ti desen­zane­si del Mar­co Polo il 7 gen­naio 2004 potran­no abban­donare le due attuali sedi ubi­cate nel cen­tro stori­co di Desen­zano per entrare nel nuo­vo com­p­lesso. Per ciò che riguar­da le carat­ter­is­tiche del­la sede, si può dire che è dis­tribui­ta su tre piani (3500 metri quadri cop­er­ti) e ospiterà 44 aule nor­mali, 11 lab­o­ra­tori, una , un audi­to­ri­um, le sale pro­fes­sori, lo spazio per gli uffi­ci ammin­is­tra­tivi. Di par­ti­co­lare val­ore l’au­di­to­ri­um. «La strut­tura — ricor­da Paroli­ni — potrà essere uti­liz­za­ta anche per man­i­fes­tazioni extra-sco­las­tiche e potrà ospitare oltre 400 per­sone. L’au­di­to­ri­um è, quin­di, riv­olto all’in­tera cit­tad­i­nan­za di Desen­zano». Col­le­ga­ta all’ed­i­fi­cio sco­las­ti­co sarà disponi­bile una nuo­va palestra, sulle cui tri­bune potran­no sedere 150 spet­ta­tori, con una super­fi­cie di 780 metri quadri, oltre a 240 metri quadri per gli spoglia­toi. Ques­ta ulte­ri­ore strut­tura ha com­por­ta­to per la Provin­cia un inves­ti­men­to di 1milione e 32mila euro. Da un prog­et­to orig­i­nario che prevede­va la costruzione uni­ca­mente del­la nuo­va sede si è pas­sati ad un prog­et­to più organ­i­co che per­me­t­terà entro pri­mav­era 2004 di sis­temare anche l’in­tera area ester­na al nuo­vo Mar­co Polo. Gra­zie ad un ulte­ri­ore stanzi­a­men­to del­l’Asses­so­ra­to provin­ciale ai Lavori Pub­bli­ci di 517mila euro si sta lavo­ran­do alla recinzione del­l’area, ma soprat­tut­to all’in­tera pavi­men­tazione ester­na e ai col­lega­men­ti a verde. Il trasfer­i­men­to del Mar­co Polo per­me­tte infine l’u­ti­liz­zo del­l’at­tuale sede del­l’Ipc da parte del Liceo Bagat­ta che tro­verà final­mente spazi adeguati per i numerosi stu­den­ti che lo fre­quen­tano. A tal propos­i­to la Giun­ta Provin­ciale ha approva­to il prog­et­to defin­i­ti­vo per la mes­sa a nor­ma e riqual­i­fi­cazione del­l’ed­i­fi­cio per un impor­to di 250.000 euro. I lavori ver­ran­no ese­gui­ti nell’ estate 2004.

Parole chiave: -