Giorgia tenta l’impresa 49 chilometri a nuoto da Riva fino a Sirmione

La tenacia di una 31enne. È il terzo tentativo. «Stavolta ce la farò»

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Gior­gia Polese ci riten­ta. Mal­tem­po per­me­t­ten­do ques­ta sera alle 19 la 31enne, nata in nuo­va Zelan­da da una famiglia di orig­ine friu­lana, par­tirà da spi­ag­gia dei Sab­bioni a Riva, paese nel quale abi­ta e lavo­ra, per attra­ver­sare a nuo­to il in ver­ti­cale, fino a Sirmione. Per rag­giun­gere la spi­ag­gia delle Bionde ci vor­ran­no almeno 25 ore. Dovrà per­cor­rere 49 chilometri, accom­pa­g­na­ta da una piloti­na del­la locale Fraglia Vela e due gom­moni del Gar­da sub.Lo scor­so 17 set­tem­bre Gior­gia fu costret­ta a inter­rompere un pri­mo ten­ta­ti­vo per le cat­tive con­dizioni cli­matiche. Ripartì il 24, ma venne fer­ma­ta dal medico a metà stra­da: rischi­a­va di cadere in ipoter­mia, dato che i bat­ti­ti del pol­so era­no sce­si a 40 al min­u­to. Oggi la gio­vane assi­cu­ra che le sue con­dizioni fisiche era­no del tut­to sot­to con­trol­lo e che, se si ripetesse una situ­azione del genere, tir­erebbe drit­to, fino all’ar­ri­vo. E’ segui­ta dal­la polac­ca Ali­na Sud­er, dietista e per­son­al train­er, dal medico Gia­co­mo Cos­ta e da uno staff bres­ciano, coor­di­na­to da Pao­lo Sonci­na. Enri­co Alber­ti­ni è il suo fisioter­apista, affi­an­ca­to da Sara Garzarella.Durante l’in­ver­no Gior­gia ha sgob­ba­to in palestra. A mag­gio è tor­na­ta in acqua, nuotan­do almeno quat­tro ore al giorno, sette giorni su sette. Ha cer­ca­to di con­cil­iare al meglio l’attività sporti­va con il lavoro all’hotel Luise di Riva. Si è allena­ta anche alla «Spi­ag­gia d’oro» di Bar­bara­no, che la spon­soriz­za. E ha cura­to ogni par­ti­co­lare, a com­in­cia­re dal­l’al­i­men­tazione, seguen­do una dieta che oscilla­va tra le 3 mila e le 4 mila calo­rie, a sec­on­da del peri­o­do e del­la tabel­la di marcia.La Polese ha già effet­tua­to altre tra­ver­sate, ma su dis­tanze infe­ri­ori. L’11 set­tem­bre 2004 è anda­ta da Mal­ce­sine a Limone in due ore e 5 minu­ti. Il 9 otto­bre è par­ti­ta dalle spi­agge di Idro per risalire in local­ità Ponte Caf­faro: undi­ci chilometri in 4 ore. Il 12 giug­no 2005 si è sposta­ta sul Sebi­no, per­cor­ren­do il trat­to da Sar­ni­co a Lovere, una venti­na di chilometri, in 11 ore. Da tem­po pun­ta alla tra­ver­sa­ta del Gar­da. «E’ un’im­pre­sa che voglio dedi­care a tutte le donne. Sta­vol­ta arriverò fino a Sirmione», affer­mala gio­vane nuo­ta­trice con estrema con­vinzione. Il record è di Chris­t­ian Sar­tori, 32 anni, ex agente di polizia e gio­ca­tore di bas­ket in C2, che nel­l’agos­to 2001 ha com­pi­u­to il per­cor­so in 21 ore e due minuti.

Parole chiave: