L’amministrazione acquisterà il monumento dedicato a re Berengario. Si discute sull’uso: biblioteca o centro sociale

La torre dei desideri

14/11/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Gerardo Musuraca

Il con­siglio acquista la torre di Re Beren­gario. Con i voti del­la mag­gio­ran­za gui­da­ta dal sin­da­co, , il voto favorev­ole del con­sigliere di mino­ran­za, Ste­fano Nico­tra, e l’astensione del­la mino­ran­za gui­da­ta da Alber­to Tomei, nell’ultima sedu­ta il con­siglio ha delib­er­a­to l’acquisto del­la stor­i­ca torre, che si tro­va nel­la piaz­za del­la chiesa. «Oggi», ha spie­ga­to il pri­mo cit­tadi­no, «abbi­amo ques­ta stra­or­di­nar­ia oppor­tu­nità di acquisire questo edi­fi­cio stori­co, che è davvero un sim­bo­lo uni­co per Tor­ri. Rite­ni­amo oppor­tuno quin­di pro­cedere all’acquisto e des­tinare l’immobile ad uso pub­bli­co». Cos­to dell’operazione, 515 mila euro, di cui diec­im­i­la per le tasse, cinquemi­la per spese notar­ili ed il resto come cos­to dell’immobile. Pas­sionel­li ha poi illus­tra­to come la torre sia com­pos­ta di 230 metri quadri, dis­posti su tre piani. Di questi, solo uno al momen­to è usato come civile abitazione, men­tre gli altri due sono chiusi. «L’edificio è sta­to adegua­to anni fa alle nor­ma­tive anti­sis­miche ed è tut­to som­ma­to in buono sta­to», ha pure ras­si­cu­ra­to il sin­da­co. Voto favorev­ole alla inizia­ti­va è arriva­to dal con­sigliere di mino­ran­za, Ste­fano Nico­tra. «Sono favorev­ole all’ac­quis­to», ha dichiara­to il gio­vane di oppo­sizione, «purchè la torre di Beren­gario non fac­cia la fine di Vil­la Glo­ria Angela, gius­ta­mente acquis­ta­ta dal­la prece­dente ammin­is­trazione, ma fino­ra sot­touti­liz­za­ta ed in prat­i­ca spre­ca­ta». «Inoltre», ha pre­cisato anco­ra, «vor­rei rice­vere ras­si­cu­razioni che tut­ti e tre i piani, e non mag­a­ri uno o due, vengano des­ti­nati ad uso pub­bli­co». «D’accordo e favorev­ole all’acquisto, ma per­p­lesso sul­la pro­gram­mazione del­la des­ti­nazione d’uso», si è invece dichiara­to il capogrup­po di mino­ran­za, Alber­to Tomei. Infat­ti, assieme ai due col­leghi Alber­to Vedovel­li e Davide Nilet­ti, dopo aver argo­men­ta­to che «si dovrà fare un atten­ta dis­am­i­na degli immo­bili comu­nali per sta­bilirne l’utilizzo al fine di arrivare, nel minor tem­po pos­si­bile, alla cos­ti­tuzione di un polo uni­co sco­las­ti­co per mater­na ed ele­men­tari con annes­sa palestra», il capogrup­po di Rin­no­va­men­to nel­la con­ti­nu­ità per Tor­ri alla fine ha por­ta­to tre voti di asten­sione sul­la delib­era dell’acquisto. In par­ti­co­lare, Tomei ha pos­to l’accento sul­la neces­sità di chiarire bene che cosa si andrà a fare nel­la torre, e cosa a Vil­la Glo­ria Angela. «Vil­la Glo­ria», ha chiar­i­to Pas­sionel­li smenten­do voci insis­ten­ti cir­co­late in paese in questi giorni non sarà ven­du­ta. «Lì ver­rà real­iz­za­to un con­teni­tore sociale in vari ambiti, e si darà inoltre la pos­si­bil­ità ai gio­vani di suonare musi­ca o, ai cori del paese, di fare le prove. Nel­la torre invece sarà cre­a­ta una mul­ti­me­di­ale, sul mod­el­lo di Mal­ce­sine e Coster­mano, dota­ta appun­to di com­put­er, acces­so ad inter­net e quant’altro». Infine, nel­la stes­sa sedu­ta, il con­siglio ha elet­to i tre rap­p­re­sen­tan­ti del Comune in seno alla Comu­nità Mon­tana del . A Vil­la Nich­eso­la di Capri­no andran­no quin­di il sin­da­co, Gior­gio Pas­sionel­li, il suo vice, Vir­gilio Poz­zani, e il rap­p­re­sen­tante del­la mino­ran­za Alber­to Tomei. Sin­go­lare sul pun­to la posizione del con­sigliere Ste­fano Nico­tra. «Essendo l’unico rap­p­re­sen­tante di Nav­ighi­amo per Tor­ri», ha spie­ga­to il consigliere,«sarebbe sta­to inutile can­di­dare il mio nome. Ho prefer­i­to per­ciò dare appog­gio alla can­di­datu­ra del sin­da­co, Gior­gio Pas­sionel­li, nel­la sper­an­za che allo stes­so ven­ga poi data, a Capri­no, la pres­i­den­za del­la Comu­nità Mon­tana del Bal­do, come pare sia pos­si­bile in questi ulti­mi tem­pi». Vedremo a breve se l’auspicio di Nico­tra porter­an­no for­tu­na a Gior­gio Passionelli.

Parole chiave: