Il tracciato allunga l’elenco dei percorsi: realizzati 306 km.
Ieri il taglio del nastro dell’ultima opera: spesi 800 mila euro

La Valtenesi sceglie la biciLonato-Puegnago: in pista

19/05/2007 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Grazioli

Quindi­ci chilometri di pista col­legano da ieri uffi­cial­mente Lona­to a Pueg­na­go. Il per­cor­so si sno­da all’in­ter­no del­la Valte­n­e­si attra­ver­san­do Padenghe, Soiano, Polpe­nazze e Pueg­na­go. Ieri il taglio del nas­tro da parte del pres­i­dente del­la Provin­cia di Bres­cia, Alber­to Cavalli.I lavori per il per­cor­so cicla­bile del­la Valte­n­e­si era­no iniziati il 15 mag­gio 2006. La Provin­cia, che si era impeg­na­ta nel prog­et­to e nel­la real­iz­zazione, ave­va finanzi­a­to 800 mila euro. Il per­cor­so si sno­da in una zona col­linare molto bel­la, ma meno conosci­u­ta. L’in­ter­no del­la val­let­ta, lun­go cui corre la pista, è pun­teggia­to da castel­li, pievi e dal lago di Lucone, dai laghet­ti di Soveni­go e da altre zone umide e semipaludose.Al taglio del nas­tro a Polpe­nazze era­no pre­sen­ti anche Mau­ro Paroli­ni, asses­sore ai lavori Pub­bli­ci del­la Provin­cia, l’on. Ste­fano Saglia, Giuseppe Tur­ri­na, sin­da­co di Polpe­nazze, e i rap­p­re­sen­tati degli altri Comu­ni toc­cati dal­la pista. Dopo un’in­tro­duzione del­la ban­da musi­cale Francesco Mar­chiori, Cav­al­li attor­ni­a­to dai bam­bi­ni delle scuole ele­men­tari «E. Fer­mi» ha inau­gu­ra­to la pista.Dal 2000 sono sta­ti real­iz­za­ti 304,6 chilometri per una spe­sa di oltre 10,3 mil­ioni di euro. Ques­ta trat­ta entra a far parte di una rete di impor­tan­ti per­cor­si già pre­sen­ti: quel­lo che col­le­ga Bres­cia a Salò lun­go l’an­ti­ca stra­da del­la Gavar­di­na e quel­lo che col­le­ga Bres­cia, pas­san­do per Desen­zano del Gar­da, alle colline moreniche mantovane.Sono in fase di prog­et­tazione altri 87,50 chilometri per una spe­sa di 8,679 mil­ioni di euro e sono già pre­visti finanzi­a­men­ti di 3,3 mil­ioni di euro nel bien­nio 2008–2009 per altri per­cor­si. «L’idea è pro­muo­vere la bici­clet­ta sul ter­ri­to­rio, per girare, per­cor­rere e sco­prire. Pro­muo­vere una mobil­ità a misura d’uomo».Il per­cor­so cicla­bile del­la Val­tre­n­e­si è sta­to asfal­ta­to 5 giorni pri­ma del­l’in­au­gu­razione, ma «un mese fa — come ricor­da Car­lo Zani, che ha col­lab­o­ra­to per la real­iz­zazione degli itin­er­ari – abbi­amo già trova­to tur­isti stranieri in bici­clet­ta che vi pas­sa­vano».

Parole chiave: