Puntualmente con la stagione della vendemmia ritorna in piazza Biolchi di Polpenazze l'appuntamento con la suggestiva e folcloristica manifestazione della "Vendemmia della Carata".

La vendemmia…in piazza

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
l.d.

Pun­tual­mente con la sta­gione del­la ritor­na in piaz­za Biolchi di Polpe­nazze l’ap­pun­ta­men­to con la sug­ges­ti­va e fol­cloris­ti­ca man­i­fes­tazione del­la “Vendem­mia del­la Cara­ta”. Un appun­ta­men­to che, inizia­to ieri sera con la “cena rus­ti­ca” e l’in­au­gu­razione del­la mostra per­ma­nente di attrezzi agri­coli d’e­poca, ed in par­ti­co­lare a quel­li rifer­i­ti alla “Vendem­mia” ossia la ger­la, il tino, il tor­chio, le “vendemi­arine” ovvi­a­mente in cos­tume e la “cara­ta” quel­l’at­trez­zo un tem­po in uso nei trasporti agri­coli ora cari­co di viti ed uva per essere vendem­mi­a­ta nel­la prin­ci­pale piaz­za del paese. Le oper­azioni di vendem­mia avran­no luo­go nel cor­so del­la gior­na­ta odier­na, domeni­ca, che vedrà anche l’ap­pun­ta­men­to con una sfi­la­ta per le vie cit­ta­dine e le strade del­la Valte­n­e­si, di auto d’e­poca. Com­pre­sa anche la Can­ti­na di Bottarel­li di Pice­do. Alle ore12.00 pran­zo pres­so il cen­tro stori­co con espo­sizione delle auto-nonne e, alle ore 16.00, inizio sfi­la­ta dei car­ri e macchi­nari agri­coli d’e­poca che si con­clud­erà con la vendem­mia e rel­a­ti­va pigiatu­ra, come si face­va una vol­ta, a pie­di nudi nel tino, e torchiatu­ra finale. Alle ore 17.30, sem­pre in piaz­za Biolchi, con­cer­to delle Ban­da musi­cale cit­tad­i­na “Francesco Mar­chiori” diret­ta dal mae­stro Lui­gi Bertuet­ti. A con­clu­sione di ques­ta 13a edi­zione, dalle ore 19,30 in poi cena rus­ti­ca aper­ta a tut­ti. Un incon­tro culi­nario, come poco capi­ta di incon­trare, con quelle ricette tipiche rurali di un pas­sato, non trop­po lon­tano, che vede­va piat­ti sem­pli­ci e carat­ter­is­ti­ci prin­cipi del­la tavola. Piat­ti in gran parte pas­sati nel dimen­ti­ca­toio ma che peri­odica­mente, e gra­zie pro­prio a questo tipo di man­i­fes­tazioni, riescono a ripresen­tar­si molto deg­na­mente sulle nos­tre tav­ole. Spiedo con polen­ta, guan­ciali­ni di vitel­lo all’o­lio extravergine d’o­li­va del­la Valte­n­e­si, bol­li­ti misti, sop­pres­sa, gal­li­na nos­trana, lin­gua, trip­pa, cotiche con fagi­oli, lucani­ca al pomodoro, salamine, for­mag­gio alla griglia, peper­oni sot­t’o­lio con for­mag­gio, pata­tine fritte e, dul­cis in fun­do, torte e dol­ci nos­trani. Ad accom­pa­gnare il tut­to vini del­la Valte­n­e­si e, nat­u­ral­mente un buon grap­pino. Gran parte del rica­va­to, come ora­mi con­sue­tu­dine, ver­rà devo­lu­to in benef­i­cen­za. A tenere com­pag­nia alle alle­gre tavolate vi sarà il l’orches­tra Bruno Cas­tri­ni Band che pro­por­rà bal­lo lis­cio, mod­er­no e degli anni ’60.

Parole chiave: