Approvata la procedura di riscatto anticipato per la distribuzione del gas metano

L’accordo si concluderà il prossimo anno

Di Luca Delpozzo

È sta­ta approva­ta all’unanimità dal Con­siglio Comu­nale di Padenghe sul Gar­da, la “pro­ce­du­ra di riscat­to antic­i­pa­to del servizio pub­bli­co di dis­tribuzione del gas metano nel ter­ri­to­rio di Padenghe”.La sedu­ta con­sil­iare, tenu­tasi ques­ta mat­ti­na (saba­to 21 otto­bre) alle ore 9.00, si è con­clusa, come det­to con l’approvazione dei 13 con­siglieri sui 13 pre­sen­ti, con l’approvazione di “pro­cedere al riscat­to antic­i­pa­to, con effet­to dal 31/10/2007, del servizio pub­bli­co di dis­tribuzione del gas metano nel ter­ri­to­rio comu­nale, e dei rel­a­tivi impianti, ponen­do così ter­mine per la pre­det­ta data al con­trat­to n° 841 stip­u­la­to il 19 mag­gio del 1987, nonché a ogni sua even­tuale suc­ces­si­va inte­grazione e mod­i­fi­ca, in essere tra il Comune di Padenghe e l’attuale gestore ITALGAS SpA avente per ogget­to il pub­bli­co servizio di dis­tribuzione del gas metano nel ter­ri­to­rio comunale”.Un dirit­to, quel­lo del riscat­to antic­i­pa­to, che si ver­i­fi­ca “quan­do dall’effettivo com­in­ci­a­men­to dell’esercizio sia trascor­so un ter­zo del­la dura­ta com­p­lessi­va del tem­po per cui la con­ces­sione fu fat­ta” recita un nor­ma dell’art. 24 R.D. n° 2578. “Tut­tavia i Comu­ni – pros­egue la nor­ma- han­no sem­pre dirit­to al riscat­to quan­do siano trascor­si ven­ti anni dall’effettivo com­in­ci­a­men­to dell’esercizio”.Ecco quin­di che, nel rispet­to sia delle norme sancite dal Regio Decre­to che le clau­sole inserite nel con­trat­to sot­to­scrit­to fra Comune l’allora ESTIGAS nel 1987, “l’Amministrazione Comu­nale di Padenghe sul Gar­da – si legge nel­la delib­era di adozione comu­nale – che attual­mente non per­cepisce dal servizio affida­to van­tag­gi par­ti­co­lar­mente sig­ni­fica­tivi, né di natu­ra eco­nom­i­ca, né di servizio agli uten­ti, ritiene di pot­er invece con­seguire con­dizioni con­trat­tuali molto migliori riv­ol­gen­dosi al mer­ca­to con­cor­ren­ziale al più presto pos­si­bile, in tal modo con­for­man­dosi all’applicazione del­la nuo­va nor­ma­ti­va, che obbli­ga inter alia gli enti locali ad affi­dare il servizio pub­bli­co di dis­tribuzione del gas esclu­si­va­mente medi­ante gara e non per peri­o­di non supe­ri­ori a dod­i­ci anni”.L’Amministrazione Comu­nale di Padenghe farà fonte alle even­tu­ali obbligazioni di rim­bor­so nei con­fron­ti del Gestore uscente medi­ante l’accensione di un mutuo a medio ter­mine il cui rim­bor­so sarà reso pos­si­bile anche dal­la percezione di un remu­ner­a­ti­vo canone di affi­da­men­to del servizio.