In agenda a settembre le prime iniziative per festeggiare lo storico evento

L’Aero Club decollaverso il «centenario»

20/08/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Francesco Di Chiara

L’Aero Club Bres­cia si avvic­i­na a gran­di pas­si ver­so la sua fes­ta più ambi­ta: il com­pi­men­to dei cen­to anni di vita, che fes­teggerà nel set­tem­bre del prossi­mo anno. E la macchi­na orga­niz­za­ti­va si è già mes­sa in moto; il club si è regala­to un nuo­vo aereo (un Dia­mond da 300mila euro) e l’anniversario ver­rà ricorda­to anche con l’annullo di un fran­cobol­lo il cui logo ver­rà scel­to con un appos­i­to con­cor­so in vig­ore quest’anno nelle scuole sec­on­darie bres­ciane. Ed anco­ra: domeni­ca 7 set­tem­bre il club orga­nizzerà l’Air Show di Bar­dolino: almeno tre­cen­tomi­la per­sone con il naso all’insù per vedere le Frec­ce Tri­col­ori e le evoluzioni di altri veliv­oli mil­i­tari e civili.LA STORIA dell’Aero Club è glo­riosa. Nel set­tem­bre 1909 si svolse a Mon­tichiari (pri­mo aero­por­to ital­iano ed il sec­on­do in Europa dopo quel­lo di Reims in Fran­cia) il 1° Cir­cuito Aereo Inter­nazionale. un grup­po di bres­ciani nel­la brughiera mon­te­clarense diede vita al pri­mo cir­co­lo del volo che poi sarebbe divenu­to l’Aero Club. Osser­varono le evoluzioni, nel cielo mon­te­clarense, del Fly­er dei fratel­li Wright, gli amer­i­cani che sei anni pri­ma si era­no soll­e­vati da ter­ra con il loro veliv­o­lo, i pri­mi al mon­do. In quel set­tem­bre non solo si for­mò la pri­ma cel­lu­la del cor­po dell’Aero Club bres­ciano, ma venne costru­i­ta la pista d’atterraggio dove nove anni fa è rina­to l’aeroporto e tutt’oggi opera con suc­ces­so l’Aero Club Bres­cia, con i suoi nove veliv­oli, 206 soci ed una scuo­la piloti piut­tosto atti­va. Il nono veliv­o­lo del club è giun­to di recente dagli sta­bil­i­men­ti aus­triaci del­la Dia­mond. Uno splen­di­do aereo 4 posti, costru­ito in resina bicom­po­nente, con i più sofisti­cati con­geg­ni elet­tron­i­ci, un motore da 135 cav­al­li e la coda da libel­lu­la per un design davvero indov­ina­to. «Un vero gioiel­lo, che ci cos­ta qua­si 300mila euro ‑osser­va Enzo Francesca- pres­i­dente dell’Aero Club. che si met­terà subito al servizio del­la nos­tra scuola».IL PRESIDENTE tira un sospiro di sol­lie­vo anche per un prob­le­ma che si sta risol­ven­do: il gigan­tesco Air One per i servizi postali non parcheg­gerà più davan­ti all’hangar dell’Aero Club, impe­den­do ai soci gli atter­rag­gi ed i decol­li ser­ali. procu­ra­to un grande dan­no eco­nom­i­co» con­fer­ma il presidente.Ma la mente di molti soci del club è già riv­ol­ta alle man­i­fes­tazioni per il Cen­te­nario del 1° Cir­cuito Aereo che dovreb­bero svol­ger­si nell’area del D’Annunzio, nel set­tem­bre 2009.Non è anco­ra sta­ta decisa l’esatta col­lo­cazione, poiché occorre ten­er con­to dei prob­le­mi di sicurez­za e via­bil­ità, ma la zona adat­ta pare sia quel­la che cir­con­da l’hangar Sir­a­cusa, affida­to in con­ces­sione alla com­pag­nia aerea bres­ciana Inter­fly, e che ha libero acces­so alla via Aero­por­to che fiancheg­gia lo sca­lo bres­ciano. «L’area di cui dispon­go ver­rà mes­sa a dis­po­sizione del Cen­te­nario se l’Aero Club ed i gestori del D’Annunzio dovessero chie­der­mela» antic­i­pa Mar­co Balzari­ni, tito­lare di Inter­fly e socio dell’Aero Club di cui in pas­sato ha ricop­er­to la car­i­ca di pres­i­dente .Ed intan­to un comi­ta­to capeg­gia­to dal Net­work Fdc Olympia e dai Lions Club Host Bres­cia sta preparan­do un piano di mar­ket­ing e comu­ni­cazione sul «Cen­te­nario».

Parole chiave: