Concessione, decisione vicina.
Del Bono e Ferrari (Unione) auspicano un patto bresciano

«L’aeroporto paga i ritardi delle istituzioni»

07/07/2007 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Francesco Di Chiara

«Siamo ben deter­mi­nati sul­la stra­da di for­mazione del­la nuo­va soci­età bres­ciana di ges­tione del D’Annunzio»: sono le parole scan­dite ieri mat­ti­na dai par­la­men­tari e Pierange­lo Fer­rari che, nel cor­so di una con­feren­za stam­pa, han­no sostenu­to «che l’inerzia di tan­ti anni è dipesa dai bres­ciani e non dai verone­si». I due han­no comu­ni­ca­to di aver già fat­to pas­si impor­tan­ti con il min­istro Bianchi e con il com­mis­sario gen­erale dell’Enac a Roma «affinché rimandi­no la deci­sione di affi­da­men­to del­la con­ces­sione: i bres­ciani vogliono essere impor­tante ped­i­na e che se gara deb­ba essere fat­ta, si fac­cia». Ma in questo momen­to non vi sarebbe gara poiché — come han­no accer­ta­to Del Bono e Fer­rari — «l’unica richiedente la con­ces­sione su Mon­tichiari è la Cat­ul­lo di Vil­lafran­ca». I due sono cer­ti che «non man­cano le forze eco­nomiche bres­ciane, basti pen­sare alle banche di cred­i­to coop­er­a­ti­vo. Ma è chiaro che i capofi­la dovran­no essere Provin­cia, CdC, Comune di Bres­cia ed i comu­ni inter­es­sati all’area». Quin­di non solo Mon­tichiari (pro­pri­etaria del sed­ime aero­por­tuale) ma anche i comu­ni il cui spazio è inter­es­sato da atter­rag­gi e decol­li: Cas­tenedo­lo, Carpen­do­lo, Ghe­di, Mon­tirone, Cas­tiglione e Borgosatollo.«Non è un prob­le­ma trovare un’azienda di coor­di­na­men­to con espe­rien­za aero­por­tuale inter­nazionale, abbi­amo già buoni con­tat­ti», han­no sot­to­lin­eato Del Bono e Fer­rari, «ma siamo in zona Cesari­ni ed è nec­es­sario che ven­ga accol­ta la nos­tra richi­es­ta di un rin­vio del­la deci­sione per la con­ces­sione. Così avre­mo tem­po per met­tere insieme, con tutte le forze bres­ciane nec­es­sarie e disponi­bili, destra e sin­is­tra, un grande sis­tema che curi l’interesse gen­erale dei bres­ciani». Cresce dunque la feb­bre per l’attesa del­la deci­sione romana, in arri­vo a giorni.

Parole chiave: