Festa per il «compleanno» dell’Istituto Caterina Dè Medici

L’Alberghiero «fa scuola» da 25 anni

Di Luca Delpozzo
m.to.

Un quar­to di sec­o­lo non è tan­to, ma nem­meno poco per una scuo­la. Ieri l’istituto alberghiero «Cate­ri­na dé Medici» di Desen­zano, sede stac­ca­ta di quel­la di Gar­done Riv­iera, ha com­pi­u­to 25 anni. Oggi è una realtà con­sol­i­da­ta, che fun­ziona. Ma gli inizi, 25 anni fa, era­no sta­ti dif­fi­cili. La sede è sta­ta un tal­lone d’Achille per interi decen­ni (ora non lo è più): all’inizio c’era solo una sis­temazione sac­ri­fi­ca­ta a palaz­zo Bagat­ta, nell’attuale ana­grafe. Poi la scuo­la trascorse tan­ti anni, una quindic­i­na, a Vil­la Andreis, vici­no all’ospedale. Era il 1998 quan­do final­mente venne taglia­to il nas­tro del nuo­vo plesso in via Michelan­ge­lo, a fian­co delle scuole medie «Trebeschi», dove oggis­tu­di­ano ben 400 ragazzi con 70 inseg­nan­ti e aule attrez­zate. Ieri pomerig­gio l’abbraccio del­la gente con una fes­ta svoltasi in piaz­za Malvezzi, con la pre­sen­za del pre­side Clau­dio Maz­za­cani, del respon­s­abile di sede Val­ter Mesar e delle autorità cit­ta­dine, men­tre in ser­a­ta è segui­to un pran­zo di gala nel­la scuola.