L’Assessore regionale della Lombardia, Gianni Fava, al Vinitaly per la nuova denominazione unica “Riviera del Garda Classico”

13/04/2017 in Attualità
A Verona
Di Redazione

Nuo­va impor­tante svol­ta per il con­sorzio Valtè­ne­si. La vendem­mia del 2017 portera’ tra i vigneti del­la riv­iera garde­sana una novi­ta’ che supera la fram­men­tazione del pas­sato, ponen­do le basi per un ripo­sizion­a­men­to del­la viti­coltura del ter­ri­to­rio: Valte­n­e­si al ver­tice del­la nuo­va denom­i­nazione uni­ca Riv­iera del Gar­da Clas­si­co. Il ‘pas­sag­gio’ e’ sta­to uffi­cial­iz­za­to, a Vini­taly alla pre­sen­za dell’assessore regionale all’Agricoltura Gian­ni Fava, pres­so lo spazio poli­va­lente di Regione Lom­bar­dia.

MASSA CRITICA - “Un seg­nale pos­i­ti­vo che non pote­va non trovare l’appoggio di Regione Lom­bar­dia — ha spie­ga­to Fava -, sen­za entrare nel mer­i­to del­la scelta dal pun­to di vista tec­ni­co. Si mette insieme un pez­zo di ter­ri­to­rio sig­ni­fica­ti­vo, rimas­to per trop­po tem­po divi­so sulle modali­ta’ comu­nica­tive. Ci si rende con­to del fat­to che la comu­ni­cazione e’ effi­cace quan­do si fa mas­sa crit­i­ca”.

LA NUOVA DOC - Oper­a­ti­va dal­la vendem­mia 2017, la nuo­va doc uni­ca nasce da un pat­to di ter­ri­to­rio sot­to­scrit­to dal 90% dei pro­dut­tori e sos­ti­tu­isce le denom­i­nazioni prece­den­te­mente in vig­ore, ponen­do l’appellazione Valtè­ne­si al ver­tice del­la piramide qual­i­ta­ti­va. “Abbi­amo in sostan­za pro­ce­du­to all’unificazione delle due denom­i­nazioni in una nuo­va, den­tro la quale c’e’ un’appellazione che tut­ti si impeg­nano a val­oriz­zare favoren­do la pro­duzione di Valte­n­e­si, al ver­tice qual­i­ta­ti­vo del­la piramide” ha pre­cisato Alessan­dro Luz­za­go, pres­i­dente con­sorzio Valtè­ne­si.

TERRITORIO E DISTINTIVITA’ - “Lo dico da anni — ha pros­e­gui­to Fava -, fin dall’inizio del mio manda­to ho spin­to sul tema del­la ter­ri­to­ri­ali­ta’ e del­la dis­tin­tivi­ta’. La ten­den­za e’ ques­ta, io riceve­vo input dal mer­ca­to glob­ale in cui vivi­amo e che anda­vano in ques­ta direzione. Il fat­to che questo per­cor­so assec­on­di la ten­den­za e’ pos­i­ti­vo ed e’ in lin­ea con le indi­cazioni di Regione Lom­bar­dia”.

APPELLAZIONE FUNGE DA GEOLOCALIZZATORE - Nel­la denom­i­nazione Riv­iera del Gar­da Clas­si­co e’ pre­vista la pro­duzione di Rossi, Chiaret­ti, Bianchi, di Spumante Rose’ e del Grop­pel­lo come vino vari­etale. Per chi pro­dur­ra’ Valtè­ne­si sia nel­la ver­sione Chiaret­to che in rosso e’ pre­vis­to l’obbligo di riportare in etichet­ta l’appellazione Valtè­ne­si sopra il nome del­la denom­i­nazione con dimen­sione almeno doppia. “La denom­i­nazione scrit­ta per este­so — ha con­clu­so il pres­i­dente Luz­za­go — fun­zion­era’ come geolo­cal­iz­zazione di un nome, Valtè­ne­si appun­to, anco­ra non ben conosci­u­to come quel­lo del lago di Gar­da”.

Commenti

commenti