Le opere pubbliche previste nel bilancio comunale che non tocca imposte e tasse

L’assessore spiega ai capifamiglia come investe i soldi

14/04/2001 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Maurizio Delibori

È sta­to approva­to dal Con­siglio comu­nale il bilan­cio di pre­vi­sione per il 2001. Non ven­gono toc­cate le imposte e le tasse e numerose sono le opere pub­bliche pre­viste. Com’è ormai divenu­ta con­sue­tu­dine da alcu­ni anni, l’assessore al bilan­cio ed alle attiv­ità eco­nomiche Cor­ra­do Manci­ni ha scrit­to una let­tera a tut­ti i capi­famiglia per spie­gare bilan­ci e pro­gram­mi. «Siamo rius­ci­ti a far pareg­gia­re il bilan­cio di pre­vi­sione 2001 sen­za ricor­rere alla leva fis­cale», spie­ga Manci­ni, «infat­ti l’addizionale Irpef è rimas­ta invari­a­ta nell’aliquota del­lo 0,2 per cen­to, così come l’Ici è rimas­ta al 4 per mille sul­la pri­ma casa al 5 per mille sug­li altri immo­bili. Uni­co aumen­to, le tar­iffe per il con­sumo di acqua e per la rac­col­ta dei rifiu­ti, adeguate all’incremento dell’inflazione». Tra le voci più impor­tan­ti delle entrate, oltre due mil­iar­di di Ici, altret­tan­ti di trasfer­i­men­ti statali e region­ali, men­tre due mil­iar­di e 650 mil­ioni arriver­an­no con mutui. Un mil­iar­do e mez­zo è pre­vis­to dai proven­ti per la ces­sione di aree, un mil­iar­do e 365 mil­ioni dai proven­ti delle con­ces­sioni edilizie, un mil­iar­do e 165 mil­ioni dal servizio idri­co e 605 mil­ioni dal­la tas­sa di smal­ti­men­to dei rifiu­ti, 624 mil­ioni per l’istruzione, 411 mil­ioni quali quote di rim­bor­so di mutui. Sono pre­visti 384 mil­ioni per il set­tore sociale, 300 per l’ufficio tec­ni­co, oltre 200 per il set­tore sporti­vo e altret­tan­ti per e trasporti, 200 mil­ioni per cul­tura. Con­tin­ua Manci­ni: «Tra le opere prin­ci­pali vi è l’acquisizione di un’area per la costruzione del­la nuo­va caser­ma dei in quan­to la futu­ra orga­niz­zazione ter­ri­to­ri­ale dell’Arma dovrebbe prevedere la sede del­la Com­pag­nia ad Affi e il man­ten­i­men­to del­la stazione a Cavaion. Abbi­amo stanzi­a­to un mil­iar­do e mez­zo per la real­iz­zazione di nuovi spazi civi­ci e per l’acquisizione di un’area dove si costru­irà una res­i­den­za per anziani; un altro mil­iar­do e mez­zo preve­di­amo di spender­lo per il com­ple­ta­men­to degli impianti sportivi di Cavaion e Sega». Altri lavori pre­visti per un impor­to di 820 mil­ioni riguardano il miglio­ra­men­to del­la via­bil­ità, la real­iz­zazione di nuovi parcheg­gi e l’incremento dell’illuminazione pub­bli­ca. Otto­cen­to mil­ioni, già inser­i­ti nel bilan­cio del­lo scor­so anno, sono sta­ti pre­visti anche per quel­lo cor­rente per la sis­temazione del­la Piaz­za del­la Chiesa e del Viale del­la Rimem­bran­za, prog­et­ti non anco­ra attuati. Mez­zo mil­iar­do è pre­vis­to poi per l’adeguamento del­la rete idri­ca e fog­nar­ia, 450 mil­ioni per l’ampliamento del­la scuo­la mater­na e 425 mil­ioni per il com­ple­ta­men­to del­la ristrut­turazione del cen­tro Tor­co­lo. L’ultimazione delle già prog­et­tate dovrebbe assor­bire mez­zo mil­iar­do, di cui 350 mil­ioni arriver­an­no da Venezia, ed infine una spe­sa di 300 mil­ioni è sta­ta pre­ven­ti­va­ta per il miglio­ra­men­to dei parchi gio­co e delle aree verdi.

Parole chiave: -