Spesa di 144mila euro con il contributo della Regione. Il restauro verrà concluso entro la primavera 2007

Lavori a Porta Cansignorio

15/10/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Giuditta Bolognesi

Sono iniziati in questi giorni i lavori del restau­ro con­ser­v­a­ti­vo di Por­ta Can­signo­rio, la più a nord delle tre porte del­la cin­ta muraria urbana di epoca scalig­era. Il cos­to dei lavori è di 144mila euro, di cui cir­ca un ter­zo prove­ni­en­ti da un con­trib­u­to regionale pre­vis­to dal­la legge regionale 15 del 2003.«Va dato atto al Comune di Lazise di esser­si inter­es­sato e atti­va­to per tem­po, in modo da pot­er usufruire di questo finanzi­a­men­to speci­fi­co per le cit­tà murate. Evi­den­te­mente questo paese con­sid­era il suo pat­ri­mo­nio stori­co architet­ton­i­co come un’eredità preziosa da tute­lare», dice l’architetto Lino Vit­to­rio Bozzet­to che ha cura­to il prog­et­to. «I lavori han­no pre­so il via ques­ta set­ti­mana; ulti­ma­ta l’installazione del pon­teg­gio inizier­e­mo le varie fasi di puli­tu­ra, con­sol­i­da­men­to, rifaci­men­to del tet­to e anche del solaio inter­me­dio: ques­ta strut­tura lignea ver­rà inseri­ta lad­dove esiste­va in orig­ine, gra­zie alle trac­ce anco­ra pre­sen­ti nel muro».Bozzetto ricor­da gli altri tec­ni­ci che han­no lavo­ra­to al prog­et­to, approva­to defin­i­ti­va­mente dall’apposita com­mis­sione regionale nel dicem­bre del 2003. «Sono l’ingegner Alber­to Maria Sar­tori, che ha segui­to le ver­i­fiche del­la sta­bil­ità strut­turale, e il geome­tra Giuseppe Zani­ni, dell’ufficio tec­ni­co del Comune. Da ril­e­vare, infine, che la gara d’appalto per i lavori è sta­ta vin­ta dall’impresa De Car­li di Lazise: per il paese, quin­di, una sor­ta di doppio merito».L’intervento alla por­ta Can­signo­rio è il pri­mo dei tre che saran­no real­iz­za­ti nell’ambito del­la stes­sa legge regionale 15/2003 sem­pre alla cin­ta urbana scalig­era del ’300 e pre­cisa­mente al trat­to che dal­la por­ta Can­signo­rio va sino alla Torre denom­i­na­ta numero tre.«In accor­do con gli oper­a­tori eco­nomi­ci del paese abbi­amo pos­tic­i­pa­to i lavori a fine sta­gione tur­is­ti­ca; non pote­va­mo, però, andare oltre: il con­trib­u­to regionale pone dei lim­i­ti, inclusi quel­li del­la con­seg­na lavori che dovrà essere fat­ta entro mar­zo 2007», spie­ga Fabio Mari­noni, asses­sore al pat­ri­mo­nio, con­fer­man­do l’interesse dell’amministrazione ver­so questo lavoro. «Siamo tut­ti molto orgogliosi del pat­ri­mo­nio architet­ton­i­co del paese e, come ammin­is­trazione, di questo inter­ven­to», con­clude l’assessore, «che con­sen­tirà di val­oriz­zare ulte­ri­or­mente la nos­tra stra­or­di­nar­ia cin­ta muraria».