Le esperte a confronto

Le «pari opportunità» nelle sfide del presente

17/11/2004 in Attualità
Di Luca Delpozzo
se.za.

Ques­ta mat­ti­na alle 10, nel­la Sala dei Provved­i­tori del comune di Salò, si svol­gerà il con­veg­no «Donne e svilup­po: l’evoluzione delle pari oppor­tu­nità del nuo­vo sce­nario socio-eco­nom­i­co». Dopo il salu­to delle autorità, par­ler­an­no in veste di rela­tri­ci Viviana Becca­los­si, asses­sore all’a­gri­coltura in e pres­i­dente del con­siglio regionale; Euge­nia Roc­cel­la e Lucetta Scaraf­fia, autri­ci dei tre volu­mi «Ital­iane» (con­tengono le schede di attri­ci, let­ter­ate, stu­diose, impren­ditri­ci, sportive, musi­ciste, pit­tri­ci, eccetera); Pao­la Vilar­di, pres­i­dente del con­siglio provin­ciale; Augus­ta Bus­ti­co ed Ele­na Gar­avaglia, project man­ag­er del­l’As­so­ci­azione Irene («Inizia­tive ricerche espe­rien­ze nuo­va Europa»). Seguiran­no il dibat­ti­to e il buf­fet offer­to ai pre­sen­ti. Pro­mosso dal­l’Asses­sore ai Gabriele Cominot­ti, il con­veg­no vuole inda­gare sui cam­bi­a­men­ti del­la soci­età e ricor­dare il per­cor­so del­l’e­man­ci­pazione fem­minile. Dal peri­o­do delle gran­di riv­o­luzioni la svol­ta è sta­ta con­tin­ua. Oggi per le ragazze l’idea andare a scuo­la o di lavo­rare è un dato riconosci­u­to, un fat­to nor­male. Ma bas­ta questo per affer­mare che le politiche di pari oppor­tu­nità sono pien­amente realizzate?