Operazione antischiuma, tutto ok

Le zattere tengono

24/10/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Han­no fat­to un otti­mo servizio le bar­riere gal­leg­gianti che per cir­ca una venti­na di giorni sono state col­lo­cate davan­ti allo sboc­co a lago del­la Cen­trale del Ponale. Per tut­to il peri­o­do, infat­ti, le schi­ume famiger­ate (prodotte dal­la cen­trifugazione delle microal­ghe del lago di Ledro) sono state neu­tral­iz­zate ed il gol­fo non ha subito orri­bili con­t­a­m­i­nazioni estetiche. Non appe­na le zat­tere sono state lev­ate via (era pre­vis­to dal­l’es­per­i­men­to coor­di­na­to da Pao­lo Mat­teot­ti), la schi­u­ma — che pure in autun­no non è mai di eccezionale por­ta­ta — è subito tor­na­ta a far­si notare. Cosa vuol dire? Sem­plice. Che il sis­tema di far spro­fon­dare l’ac­qua di scari­co (e dis­perdere la poltiglia d’al­ghe) tramite le zat­tere dimostra una cer­ta effi­cien­za. «Ma pri­ma di trasfor­mare la bar­ri­era in strut­tura fis­sa — dice Pao­lo Mat­teot­ti — vogliamo ripetere la sper­i­men­tazione in pri­mav­era, quan­do per­al­tro le alghe sono più pre­sen­ti. Cercher­e­mo anche di per­fezionare il sis­tema. Se il risul­ta­to, come mi auguro, sarà sod­dis­facente, una bar­ri­era fis­sa potrà essere prog­et­ta­ta e real­iz­za­ta il prossi­mo autunno».Questo, dunque, il pro­gram­ma di lavoro del­la task force anti­s­chi­u­ma. Da aggiun­gere che nel frat­tem­po tra Comune, Provin­cia e Enel si dovrebbe per­fezionare un accor­do su chi dovrà pagare la bar­ri­era. Sarebbe vera­mente assur­do trovar­si con la soluzione in mano di un prob­le­ma annoso ed antipati­cis­si­mo e dover atten­dere ancora…