Lungolago senza vandali? Bravo sindaco, ma non dimentichi le 400 firme «pro Fido»

Libertà di passeggio anche per i cani

16/05/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
gl.m.

La deci­sione del pri­mo cit­tadi­no di Riva d’in­gag­gia­re una ron­da not­tur­na per fron­teggia­re il dila­gare, sul lun­go­la­go, del feno­men­to van­dal­is­mo è sta­ta accol­ta con un cer­to entu­si­as­mo da parte di chi ama vivere la spi­ag­gia, in tut­ta tran­quil­lità, anche dopo il calar del sole. Alcu­ni però riman­gono ugual­mente impos­si­bil­i­tati a fre­quen­tar­la: sono i cani con i loro rel­a­tivi padroni. «Leg­go che il sin­da­co Mal­ossi­ni — scrive una rivana in una let­tera — pre­oc­cu­pa­to per la micro­crim­i­nal­ità e i van­dal­is­mi in costante aumen­to, intende dotar­si di un cor­po di vig­i­lantes a con­trol­lo del­la spi­ag­gia dalle 23 alle 5. Bene, otti­mo. Ora, però, mi sorge spon­tanea una doman­da: per­chè non fa niente per per­me­t­tere il pas­sag­gio in spi­ag­gia, nelle ore ser­ali, ai cani accom­pa­g­nati al guin­za­glio dai loro pro­pri­etari, muni­ti del “nec­es­saire” per la rimozione delle cac­che, quan­do già nel­l’ot­to­bre scor­so sono state deposi­tate nelle sue mani oltre 400 firme?Credo che per l’im­mag­ine tur­is­ti­ca del­la cit­tà l’ospite dovrebbe sen­tir­si sem­pre a suo agio, durante la per­ma­nen­za, anche quan­do è accom­pa­g­na­to dal suo ami­co a quat­tro zampe».