Estate di lavori per l’Istituto «Cerebotani». Nuovi locali per 1200 metri. Raggiunta la soglia di 800 allievi

L’Itis ha fame di spazio. Pronto l’ampliamento

29/07/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

Stu­den­ti in vacan­za ma cantiere aper­to all’Itis di Lona­to per i lavori di ampli­a­men­to delle strut­ture dell’edificio.Gli alun­ni, prove­ni­en­ti da tut­to il baci­no del Bas­so Gar­da con­tin­u­ano a crescere superan­do ormai la soglia degli 800 e questo ha impos­to un nuo­vo inter­ven­to rad­i­cale (la prece­dente ristrut­turazione risale a pochi anni fa) per sod­dis­fare la fame di spazi. I lavori con­sistono nel­la costruzione di un nuo­vo cor­po di fab­bri­ca che si svilup­pa ad est dell’edificio esistente, capace di met­tere a dis­po­sizione nove aule. Allo scopo è sta­ta abbat­tuta anche una casa.È pre­vis­to il rifaci­men­to dell’atrio di ingres­so e del­la scala prin­ci­pale che con­duce ai vari piani per una super­fi­cie com­p­lessi­va di 1200 metri quadrati.L’intervento, che è tut­to a cari­co dell’assessorato provin­ciale del­la Pub­bli­ca istruzione, supera il mil­ione di euro. Il prog­et­to è frut­to di un accor­do di pro­gram­ma sot­to­scrit­to fra Provin­cia e Comune di Lona­to. L’intesa com­prende la ces­sione da parte del Comune del­la pro­pri­età dell’area sul­la quale sono in cor­so i lavori. Tra le par­ti­co­lar­ità si seg­nala il rives­ti­men­to del­la fac­cia­ta con un pan­nel­lo di allu­minio, dota­to di un’anima di poli­eti­lene, e che ha gran­di pro­pri­età di abbat­tere la rumor­osità, oltre che con­ferire un aspet­to esteti­co ultramoderno.La scuo­la attual­mente ha tre diver­si per­cor­si didat­ti­ci: liceo sci­en­tifi­co tec­no­logi­co, isti­tu­to tec­ni­co con ind­i­riz­zo mec­ca­ni­ca, elet­tron­i­ca e infor­mat­i­ca, for­mazione pro­fes­sion­ale. L’Itis è dota­to di lab­o­ra­tori all’avanguardia di lingue, fisi­ca, chim­i­ca, infor­mat­i­ca, mac­chine utensili,cad, sal­datu­ra, mac­chine a flu­i­do, automazione e tecnologia.La for­mazione pro­fes­sion­ale dura tre anni (invece di cinque), per­me­tte lo sboc­co nel mon­do del lavoro, oppure l’accesso al quar­to anno dell’Itis.