Convegno sul marchio, degustazioni e visite ai frantoi

L’oliva premia gli studenti e spreme la dop

Di Luca Delpozzo
Torri del Benaco

Un fine set­ti­mana pron­to a scivolare via all’in­seg­na del­l’o­lio quel­lo che il paese si appres­ta a vivere. È infat­ti in pro­gram­ma la set­ti­ma edi­zione del­la Fes­ta del­l’o­li­va, che è sta­ta orga­niz­za­ta dal­l’am­min­is­trazione comu­nale, in col­lab­o­razione con Coldiret­ti, Slow food e il cir­co­lo I Ghiot­toni, oltre a vari enti region­ali e provin­ciali. Il pro­gram­ma prevede alle 10 di saba­to la pre­mi­azione, nel­la sala con­sil­iare del castel­lo, delle clas­si vincitri­ci del con­cor­so provin­ciale per le scuole ele­men­tari e medie inti­to­la­to «L’o­li­vo e l’o­lio». Nel pomerig­gio alle 15, sem­pre nelle sale del castel­lo, al via i lavori del con­veg­no incen­tra­to su «L’o­livi­coltura sul Gar­da e le prob­lem­atiche rel­a­tive alla denom­i­nazione di orig­ine pro­tet­ta». Si trat­ta di un momen­to di con­fron­to e di aggior­na­men­to con gli esper­ti e gli addet­ti ai lavori dato che, nonos­tante anni di battaglie e di inter­ven­ti par­la­men­tari e pres­so la Corte euro­pea da parte del dep­u­ta­to Ettore Peretti, oltre che dei pro­dut­tori di olio extravergine di tut­ta la spon­da veronese, il mar­chio Dop non è anco­ra rius­ci­to davvero a pren­dere piede sul Bena­co. Ma forse uno dei momen­ti più inter­es­san­ti del­l’in­tero fine set­ti­mana è rap­p­re­sen­ta­to dal­l’ap­pun­ta­men­to, pre­vis­to alle 17.30 di saba­to nel­la sala con­sil­iare, con la degus­tazione di oli extravergi­ni ital­iani, con­dot­ta da Diego Sorac­co, cura­tore del­la gui­da agli extravergi­ni di Slow food. Ci sarà pos­to per una quar­an­ti­na di per­sone che, pre­via preno­tazione, potran­no iniziare a capire e quin­di meglio apprez­zare le qual­ità organolet­tiche di molti oli extravergi­ni ital­iani. Domeni­ca invece, dopo una visi­ta ai fran­toi e ai musei del­l’o­lio pro­gram­ma­ta per le 9, alle 11.30 è pre­vista la pre­sen­tazione del­la dici­as­settes­i­ma mis­cel­lanea «Il Gar­da. L’am­bi­ente e l’uo­mo», a cura del Cen­tro stu­di per il ter­ri­to­rio bena­cense. Infine, alle 17, nuo­vo appun­ta­men­to con Slow food e il cir­co­lo I Ghiot­toni, che han­no orga­niz­za­to una vera e pro­pria scuo­la di cuci­na. Lo chef Flavio Tagli­a­fer­ro illus­tr­erà la preparazione di piat­ti tipi­ci tut­ti a base di olio extravergine d’o­li­va. Nelle due ser­ate di saba­to e domeni­ca, non mancher­an­no la musi­ca e il cabaret. Si esi­bi­ran­no, in par­ti­co­lare, l’orches­tra Clau­dio Amadori, il duo Il Gomi­to­lo, Old Gen­er­a­tion e Ric­car­do Fogli.

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti