Dopo il veto a una commissione di inchiesta sulla vicenda che ha suscitato molte polemiche ecco la storia di un’idea contrastata

L’ombra della lite legalesul progetto per il porto

24/01/2008 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Stefano Joppi

La com­mis­sione d’inchiesta è sta­ta boc­cia­ta ma non per questo le carte dell’intricata vicen­da tra Gar­da Nav­i­gan­do, soci­età con­trol­la­ta da Svilup­po Italia, e l’amministrazione Meschi sono rimaste seg­rete. Che potrebbe finire in una lite legale. Con una let­tera dell’ottobre scor­so la soci­età con­trol­la­ta da Svilup­po Italia, dopo aver bol­la­to la con­dot­ta del Comune «dila­to­ria e non coer­ente», annun­cia infat­ti la richi­es­ta di ris­arci­men­to danni.Come promes­so in Con­siglio il pri­mo cit­tadi­no ha tira­to fuori dal cas­set­to l’intero carteg­gio e lo ha mes­so a dis­po­sizione di tut­ti: con­siglieri comu­nali e sem­pli­ci cit­ta­di­ni. Una mossa in rispos­ta alla richi­es­ta degli otto rap­p­re­sen­tan­ti del «Grup­po Mis­to» e di «Vince la Gente» d’istituire una com­mis­sione d’inchiesta sul com­por­ta­men­to tenu­to dal­lo stes­so sin­da­co e dall’assessore Gio­van­ni Poz­zani in mer­i­to all’istanza di con­ces­sione dema­niale pre­sen­ta­ta dal Gar­da Nav­i­gan­do, nel giug­no del 2006, per la real­iz­zazione e ges­tione di un por­to turistico.«Non ser­vono com­mis­sioni», ave­va prova­to a medi­are il vicesin­da­co Adeli­no Avanzi­ni nel cor­so del­la tesa dis­cus­sione con­sil­iare. «Ma è più oppor­tuno conoscere tut­ti gli atti che sono inter­cor­si. Se poi even­tual­mente trasparirà qual­cosa che meriterà un appro­fondi­men­to, si andrà a nom­inare una com­mis­sione di inchi­es­ta». Quel­lo che si evince subito da una let­tura del­la carte e come già il 5 otto­bre 2004, a soli quat­tro mesi dal suo inse­di­a­men­to, sul­la scriva­nia del sin­da­co fos­se già arriva­ta da Gar­da Nav­i­gan­do «la pro­pos­ta di stu­dio di fat­tibil­ità per infra­strut­tura por­tuale a Bardolino».Uno stu­dio «sen­za nes­sun cos­to per l’amministrazione comu­nale» e per questo autor­iz­za­to in novem­bre dal­la stes­sa giun­ta. Poi per più di un anno nes­suna comu­ni­cazione scrit­ta fino al giug­no del 2006 quan­do in munici­pio viene pro­to­col­la­ta da Gar­da Nav­i­gan­do l’istanza di con­ces­sione dema­niale trenten­nale per la real­iz­zazione e ges­tione del por­to turistico.In alle­ga­to il prog­et­to pre­lim­inare del­la mari­na in gra­do d’ospitare cir­ca 370 imbar­cazioni. Ma a stop­pare la fuga in avan­ti di Gar­da Nav­i­gan­do ci pen­sa lo stes­so sin­da­co che ricor­da all’amministratore uni­co del­la soci­età con­trol­la­ta da Svilup­po Italia come l’istanza non pos­sa essere accol­ta in quan­to la zona non è pre­vista «dagli stru­men­ti urban­is­ti­ci vigen­ti come area portuale».Da ricor­dare che in prece­den­za, in feb­braio, il pri­mo cit­tadi­no accom­pa­g­na­to dall’assessore Poz­zani si era reca­to a Roma negli uffi­ci di Italia Nav­i­gan­do. Cosa sia emer­so in quell’incontro non si sa anche se poi, nel gen­naio del 2007, in un doc­u­men­to invi­a­to dal­la stes­sa Gar­da Nav­i­gan­do al sin­da­co si sot­to­lin­ea come anche in quel­la sede siano state avan­zate ulte­ri­ori richi­este del Comune a dimostrazione di un effet­ti­vo inter­esse ver­so la costruzione di un nuo­vo por­to nel cen­tro lacustre.A segui­to dei col­lo­qui e degli incon­tri tra Meschi, espo­nen­ti dell’amministrazione comu­nale e Gar­da Nav­i­gan­do è sta­to «con­corda­to di pre­dis­porre speci­fi­ca istan­za di con­ces­sione dema­niale». Tut­to ciò men­tre in Con­siglio il sin­da­co, più volte inter­pel­la­to dal­la mino­ran­za, ave­va sostenu­to che nes­suna deci­sione era sta­ta pre­sa sul­la costruzione o meno di un por­to a Bar­dolino. Ques­tione che con pas­sare dei mesi diven­ta sem­pre più intri­ca­ta con Gar­da Nav­i­gan­do che si sente tra­di­ta dal cam­bio di rot­ta: «Pren­di­amo atto che il Comune di Bar­dolino, con­trari­a­mente a quan­to a noi in questi anni man­i­fes­ta­to, non ha ora più alcun inter­esse alla real­iz­zazione di un por­to tur­is­ti­co». Quin­di la let­tera di otto­bre, con la pos­si­bile richi­es­ta di danni.

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti